Salute/Patologie neuroftalmologiche: cresce il numero di pazienti al "Renzetti" di Lanciano

Oggi specialisti a confronto sulle malattie dell'occhio legate al sistema nervoso

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2950

vista occhio miopia






LANCIANO. Sono in aumento all'ospedale "Renzetti" di Lanciano i pazienti in cura per patologie neuroftalmologiche, quelle malattie, cioè, che interessano la parte del sistema nervoso legata alla funzione visiva degli occhi.
I disturbi della vista, infatti, rappresentano spesso il primo e unico sintomo di problemi neurologici importanti, quali ictus, sclerosi multipla, infarto cerebrale, che devono essere diagnosticati e curati il prima possibile. L'aumento del numero di pazienti affetti da queste patologie è connesso al progressivo invecchiamento della popolazione e il loro trattamento prevede la forte collaborazione fra l'oculista, il neurologo e il radiologo, che solo lavorando in team possono dare risposte efficaci a problemi di salute così complessi.

Tutti gli aspetti legati alla diagnosi e alla cura delle patologie neuroftalmologiche saranno al centro di un convegno dal titolo "Sistema nervoso centrale e occhio", che si terrà oggi, sabato 4 maggio 2013, a partire dalle ore 9.00 presso l'hotel Villa Medici di Rocca San Giovanni.
L'evento, organizzato dalle unità operative di Oculistica e di Neurologia dell'ospedale "Renzetti" di Lanciano, vedrà la partecipazione di oculisti, neurologi e medici di medicina generale che si confronteranno su temi quali otticopatie, glaucoma, dolore oculare, diplopia, cefalee, sclerosi multipla. La responsabilità scientifica dell'evento è affidata a Domenico Pellegrini, direttore dell'unità operativa di Oculistica del "Renzetti", e a Umberto Colangelo, direttore della Neurologia. Fra i relatori ci saranno anche Federico Sadun, esperto in neuroftalmologia della Asl Roma G in servizio presso l'ospedale di Tivoli, e Carmine Marini, docente di Neurologia presso l'Università di L'Aquila e direttore di unità operativa all'ospedale di Avezzano.