SALUTE

Salute/Pescara trattamenti mini invasivi per le lesioni dell’aorta toracica

In passato si procedeva con interventi altamente invasivi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4045

Salute/Pescara trattamenti mini invasivi per le lesioni dell’aorta toracica




PESCARA. Nuovo importante intervento dell’Unità Operativa di Radiologia e Chirurgia Vascolare del Presidio Ospedaliero di Pescara.

Due settimane fa si è proceduto al trattamento di una lesione traumatica dell’aorta toracica riportata da un trentaduenne a seguito di un incidente stradale.
In passato, in casi simili, si faceva ricorso all’intervento tradizionale di Cardiochirurgia, altamente invasivo.
Oggi è possibile evitare tutto ciò con un trattamento “mini invasivo” che consiste nel posizionamento di un stent, per riparare lo scollamento post traumatico della parete aortica.
L’intervento consiste nell’entrare con un dispositivo da un’arteria dell’inguine (arteria femorale), “navigare” fino al tratto discendente dell’aorta toracica e aprire l’endoprotesi per escludere la lesione.
«E’ un altro passo avanti del nostro ospedale per assicurare interventi mini invasivi in emergenza-urgenza», spiega la responsabile Maria Assunta Ceccagnoli.
La procedura, della durata di circa due ore, ha visto all’opera due Radiologi: il dottor Vincenzo Di Egidio, direttore dell’Unità Operativa di Radiologia, il dottor Andrea Toppetti, responsabile della Sezione della Radiologia Vascolare ed Interventistica e l’equipe dell’Unità Operativa di Chirurgia Vascolare diretta dal dottor Antonio Antico.
L’intervento è perfettamente riuscito ed il giovane paziente è stato già dimesso.