IL FATTO

Abruzzo/«Perseguitato da una stalker per veto su Gabanelli al Quirinale»

Salvatore Marino si scaglia contro presunte «nazi femministe», sms e telefonate minatorie

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3368

Abruzzo/«Perseguitato da una stalker per veto su Gabanelli al Quirinale»

Salvatore Marino




CHIETI. Una denuncia per stalking è stata annunciata nei giorni scorsi da Salvatore Marino, del movimento Maschio 100%.
 
Noto per la sua posizione antifemminista Marino si è rivolto alla procura di Chieti  a seguito di una serie di telefonate che, racconta, lo avrebbero intimorito.
Tutto è cominciato il 16 aprile scorso, a seguito di un intervento telefonico alla trasmissione radio ‘La Zanzara’ di Radio 24.Tema della puntata l’elezione del presidente della Repubblica e la candidatura della giornalista Milena Gabanelli, lanciata proprio in quelle ore dagli attivisti del Movimento 5 Stelle.
In collegamento telefonico è intervenuto Marino, conosciuto per le sue colorite posizioni in difesa del maschio contro le «nazi femministe», ex candidato politico e tutt’oggi capolista di una propria lista per le elezioni amministrative di Roma. L’uomo si è scagliato contro l’elezione della giornalista di Report. «Diffido il Quirinale a mettere una donna che mi discrimina in quanto maschio», ha spiegato.  
I due conduttori David Parenzo e Giuseppe Cruciani lo hanno un po’ sbeffeggiato. «Lo conosco questo signore», ha raccontato Parenzo. «Lo invitai nel 2010 in una mia trasmissione che si chiamava ‘Gabbia di matti’ dove avevo riunito tutte le liste elettorali più improbabili. Tre anni fa non era a questi livelli di pazzia. Io penso che l’ospedale di zona più vicino debba essere attrezzato immediatamente. Sono contento che sia ancora vivo ma deve tornare nel posto dove è stato rinchiuso».
«Non viene nessuno da quelle parti a darle una punturina ogni tanto e calmarla un attimo?», ha chiesto Cruciani. Ma lui ha insistito, scagliandosi anche con il ministero delle Pari opportunità «incostituzionale in quanto discrimina il maschio» e definito «il quarto reich rosa». Marino ha parlato anche della violenza sugli uomini che sarebbe «più frequente di quella sulle donne ma nessuno ne parla». Un commento anche su Grillo: «non ha le palle per governare l’Italia, io invece ce le ho».
Quando il siparietto si è concluso Marino racconta di aver cominciato a ricevere una serie di telefonate da una presunta stalker, che lui si è affrettato a denunciare, insieme al suo avvocato Pier Leo Masciarelli del foro di Chieti. La donna al telefono, secondo quanto ricostruito nella denuncia (una bozza è stata inviata anche a PrimaDaNoi.it) avrebbe aggredito l’uomo spiegando di aver visto alcuni video di Marino su You Tube, ritenuti «offensivi per la dignità delle donne».
«La mia è solo satira politica», si è difeso l’uomo. Ma le telefonate si sarebbero reiterate, la donna avrebbe lasciato intendere di conoscere l’indirizzo della residenza dell’uomo. Avrebbe anche inviato sms intimidatori con la scritta «devi pagare», o ancora, «non puoi prenderti gioco di noi così». Nella denuncia l’avvocato Masciarelli chiede di perseguire il responsabile di stalking con l’ aggravante «per aver molestato un personaggio politico per motivi futili o di satira»

Alessandra Lotti