L'INDAGINE

Truffa allo Stato, residenti all’estero ricevevano assegni Inps: 34 denunciati

Operazione della Guardia di Finanza di Avezzano

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3591

Truffa allo Stato, residenti all’estero ricevevano assegni Inps: 34 denunciati

Truffa allo Stato, residenti all’estero ricevevano assegni Inps: 34 denunciati
Operazione della Guardia di Finanza di Avezzano
Truffa, aire, guardia di finanza, inps, stato
AVEZZANO. Avevano apparentemente stabilito la propria residenza in Italia e dichiaravano all’Inps redditi minimi per accedere all’assegno sociale di sostentamento.
In realtà si trattava di italiani over 65 cancellati dai comuni dalle liste Aire (Anagrafe Italiani residenti all’estero) ovvero di stranieri (marocchini, libanesi, siriani, dominicani, iraniani, argentini, venezuelani e macedoni),  in età pensionabile, provenienti da Paesi extra-UE dichiaratamente residenti in Italia da almeno 10 anni. I finanzieri della Compagnia di Avezzano li hanno segnalati all’A.G. per truffa ai danni dello Stato, unitamente ad altri loro parenti/amici, da essi delegati a riscuotere gli assegni in Italia. 
Sono stati bloccati/recuperati dalla Guardia di Finanza 411mila euro di indebite percezioni degli emolumenti assistenziali. Inoltre, almeno in un paio di casi, dopo la segnalazione dei finanzieri i diretti interessati hanno deciso di restituire circa 12mila euro all’Inps. Gli accertamenti hanno rivelato come si trattasse di persone che, in realtà, mancavano dal “bel paese” da molto tempo o che, addirittura, erano tornati nei paesi d’origine non appena “messa a posto” la pratica dell’assegno sociale. La riscossione del denaro pubblico avveniva, quindi, tramite delegati in Italia ovvero direttamente con carte bancomat e sportelli ATM installati nei cinque continenti. Le notizie raccolte dai finanzieri, soprattutto riguardo alle date dei visti di ingresso/uscita dal territorio nazionale, hanno ulteriormente rivelato l’arcano delle fittizie residenze finalizzate all’indebita percezione di denaro pubblico.
AVEZZANO. Avevano apparentemente stabilito la propria residenza in Italia e dichiaravano all’Inps redditi minimi per accedere all’assegno sociale di sostentamento.In realtà si trattava di italiani over 65 cancellati dai comuni dalle liste Aire (Anagrafe Italiani residenti all’estero) ovvero di stranieri (marocchini, libanesi, siriani, dominicani, iraniani, argentini, venezuelani e macedoni),  in età pensionabile, provenienti da Paesi extra-UE dichiaratamente residenti in Italia da almeno 10 anni. 

I finanzieri della Compagnia di Avezzano li hanno segnalati all’A.G. per truffa ai danni dello Stato, unitamente ad altri loro parenti/amici, da essi delegati a riscuotere gli assegni in Italia. Sono stati bloccati/recuperati dalla Guardia di Finanza 411mila euro di indebite percezioni degli emolumenti assistenziali. Inoltre, almeno in un paio di casi, dopo la segnalazione dei finanzieri i diretti interessati hanno deciso di restituire circa 12mila euro all’Inps. Gli accertamenti hanno rivelato come si trattasse di persone che, in realtà, mancavano dal “bel paese” da molto tempo o che, addirittura, erano tornati nei paesi d’origine non appena “messa a posto” la pratica dell’assegno sociale. 

La riscossione del denaro pubblico avveniva, quindi, tramite delegati in Italia ovvero direttamente con carte bancomat e sportelli ATM installati nei cinque continenti. Le notizie raccolte dai finanzieri, soprattutto riguardo alle date dei visti di ingresso/uscita dal territorio nazionale, hanno ulteriormente rivelato l’arcano delle fittizie residenze finalizzate all’indebita percezione di denaro pubblico.