IL PENSIERO CRITICO

Terremoto L’Aquila, Sgarbi: «le new town sono una grande cretinata»

«Buona idea ma è fallita»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3419

Terremoto L’Aquila, Sgarbi: «le new town sono una grande cretinata»

Vittorio Sgarbi

Terremoto L’Aquila, Sgarbi: «le new town sono una grande cretinata»
«Buona idea ma è fallita»
Terremoto, vittorio sgarbi, progetto case, l’aquila, giorgio napolitano
L’AQUILA. «Le new town sono una grande cretinata». 
Lo ha detto Vittorio Sgarbi, ieri all'Aquila per un evento culturale, rispondendo a una domanda sui 19 nuclei di palazzine antisismiche del progetto C.a.s.e., costruiti dopo il terremoto del 6 aprile 2009.  «Berlusconi aveva buone intenzioni ma non era la cosa giusta da fare - ha aggiunto - perché hanno allontanato la gente da luoghi dove non tornerà». 
Per Sgarbi, comunque «non si può ricostruire entro i termini previsti», alludendo al cronoprogramma, anche se la rinascita dell'Aquila terremotata «é un dovere morale dello Stato».
Il critico d’arte ha poi notato che  nel suo discorso di insediamento, il riconfermato Giorgio Napolitano «ha dimenticato di parlare dell'Aquila. Il primo obiettivo di qualunque governo - continua Sgarbi - di qualunque parte esso sia, dovrebbe essere restituire L'Aquila al decoro della grande città che è. Il fatto che qualcuno dubiti di quei soldi e si pensi di fare altre cose è una fuga da un obiettivo fondamentale per un Paese civile».
E su L’Aquila capitale della Cultura 2019? «Io me lo auguro», ha detto l’ex sindaco di Salemi, «ma L'Aquila non lo sarà». Sgarbi ha fatto notare che «per ospitare l'evento dovrebbero esserci le strutture necessarie per ricevere la gente. Diventare Capitale della cultura vuol dire organizzare una sorta di Expò con convegni e concerti, ma qui la gente dove la metti?»
Analizzando la situazione politica ha sostenuto che le forze politiche «non arriveranno a mettersi d'accordo perché sono degli zucconi, faranno un governo pasticciato che litigherà e finirà come è finito il governo Monti. L'esortazione del Capo dello Stato è ridicola - ha aggiunto Sgarbi - sarebbe come dire in Friuli, dove ha vinto il centrosinistra, 'fate l'accordo con il centrodestra’. Se non sono d'accordo si torni a votare. Napolitano favorirà Grillo, che odia; farà un pasticcio. Credevo che la legittimazione del secondo mandato fosse nel fatto che lui può sciogliere subito le Camere. Lui, che sta dimostrando di aver fallito, dovrebbe, appena nominato, sciogliere le camere E "non rompere". Questa è una delle peggiori schifezze che si possano immaginare».
L’AQUILA. «Le new town sono una grande cretinata». 
Lo ha detto Vittorio Sgarbi, ieri all'Aquila per un evento culturale, rispondendo a una domanda sui 19 nuclei di palazzine antisismiche del progetto C.a.s.e., costruiti dopo il terremoto del 6 aprile 2009.  «Berlusconi aveva buone intenzioni ma non era la cosa giusta da fare - ha aggiunto - perché hanno allontanato la gente da luoghi dove non tornerà». 

Per Sgarbi, comunque «non si può ricostruire entro i termini previsti», alludendo al cronoprogramma, anche se la rinascita dell'Aquila terremotata «é un dovere morale dello Stato».Il critico d’arte ha poi notato che  nel suo discorso di insediamento, il riconfermato Giorgio Napolitano «ha dimenticato di parlare dell'Aquila. Il primo obiettivo di qualunque governo - continua Sgarbi - di qualunque parte esso sia, dovrebbe essere restituire L'Aquila al decoro della grande città che è. Il fatto che qualcuno dubiti di quei soldi e si pensi di fare altre cose è una fuga da un obiettivo fondamentale per un Paese civile».E su L’Aquila capitale della Cultura 2019? «Io me lo auguro», ha detto l’ex sindaco di Salemi, «ma L'Aquila non lo sarà». 

Sgarbi ha fatto notare che «per ospitare l'evento dovrebbero esserci le strutture necessarie per ricevere la gente. Diventare Capitale della cultura vuol dire organizzare una sorta di Expò con convegni e concerti, ma qui la gente dove la metti?»Analizzando la situazione politica ha sostenuto che le forze politiche «non arriveranno a mettersi d'accordo perché sono degli zucconi, faranno un governo pasticciato che litigherà e finirà come è finito il governo Monti. L'esortazione del Capo dello Stato è ridicola - ha aggiunto Sgarbi - sarebbe come dire in Friuli, dove ha vinto il centrosinistra, 'fate l'accordo con il centrodestra’. Se non sono d'accordo si torni a votare. Napolitano favorirà Grillo, che odia; farà un pasticcio. Credevo che la legittimazione del secondo mandato fosse nel fatto che lui può sciogliere subito le Camere. Lui, che sta dimostrando di aver fallito, dovrebbe, appena nominato, sciogliere le camere E "non rompere". Questa è una delle peggiori schifezze che si possano immaginare».