LA VENDITA

Abruzzo/Arpa cede quote Sistema, «100 lavoratori a rischio»

Allarme dei sindacati: venerdì sciopero

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2640

Abruzzo/Arpa cede quote Sistema, «100 lavoratori a rischio»




PESCARA. Sistema è l'azienda di servizi che provvede alle pulizie e alla biglietteria dell' Arpa e della Gtm in cui lavorano oltre 100 dipendenti.
Ma presto qualcosa potrebbe cambiare. Infatti è stato pubblicato sul sito dell'Arpa un bando di gara con il quale il Consiglio di Amministrazione della spa dei trasporti pubblici ha indetto una gara per la cessione della proprie quote azionarie (62%).
«Tutto questo», protestano i rappresentanti sindacali Rolandi (Filt Cgil); Di Naccio (Fit Cisl), Murinni (Uil Uilt), Lizzi (Faisa Cisal), che per domani hanno indetto una giornata di sciopero, «avviene dopo che per anni Regione e Amministratori di Arpa, pur in presenza di costanti denunce sindacali, hanno condiviso in modo silente una gestione per nulla efficace dell'azienda Sistema Spa, caratterizzata dall'assenza di un piano industriale e da conseguenti ripercussioni negative sul proprio conto economico e, indirettamente, anche sui bilanci di Arpa».

Per i sindacati, dunque, la scelta sarebbe «incoerente» con quanto si sta discutendo in ambito Istituzionale con lo stesso presidente Chiodi, nell'ambito del cosiddetto "patto per i trasporti" e che secondo i lavoratori dovrebbe assegnare alla Società Sistema, dopo una riorganizzazione, un ruolo di primo piano di tutte quelle attività complementari e, al tempo stesso essenziali, per i servizi espletati dalle tre aziende regionali Arpa, Gtm e Sangritana che insieme costituiscono circa l'80% dei servizi di trasporto pubblico della Regione Abruzzo.
«E’ un'operazione improvvisa e immotivata», continuano Rolandi, Di Naccio, Murinni, Lizzi «che apre di fatto alla privatizzazione dell'azienda ed alla precarizzazione dei rapporti di lavoro con una inevitabile riduzione dei posti di lavoro o, in alternativa, ad una sensibile contrazione degli orari di impiego e quindi dei salari. Una manovra che affiderà, peraltro, ad una impresa esterna, il delicato compito di gestire le attività di vendita dei biglietti e degli abbonamenti, ovvero milioni e milioni di euro di entrate per i quali - allo stato attuale - l'attività di controllo e di riscontro, è direttamente ed esclusivamente affidato ad Arpa».