L'INCHIESTA

Appalti Selex, Sabatino Stornelli in carcere

Inchiesta della procura di Napoli. Nei guai anche Di Martino e Mastroianni

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

12514

Stornelli, ex presidente Valle del Giovenco

Stornelli, ex presidente Valle del Giovenco

 

Appalti Selex, Sabatino Stornelli in carcere
Inchiesta della procura di Napoli
Sabatino stornelli, selex, appalti, francesco Greco, abruzzo Ingeneering
ABRUZZO. Custodia cautelare in carcere per Sabatino Stornelli, ex ad di Selex management service spa, azienda del gruppo Finmeccanica, e per il fratello Maurizio.
L'inchiesta è della procura di Napoli coordinata dall'aggiunto Francesco Greco su presunte iregolarita' nell'affidamento e nella gestione del Sistri, il sistema di controllo rifiuti voluto dal ministro dell'Ambiente Stefania Prstigiacomo per combattere le ecomafie e mai partito.
Stornelli era anche consigliere della Abruzzo Engineering, socierta' mista controllata dalla regione Abruzzo, nonche' presidente della societa' di calcio Pescina Valle del Giovenco, alla quale, dicono gli inquirenti partenopei, arrivarono cospicue sponsorizzazioni attraverso falsi contratti di forniture. In carcere anche l'imprenditore napoletano Francesco Paolo Di Martino, titolare della Edilm Security, societa' che ebbe un subappalto. L'affidamento a Selex managment service spa di un progetto classificato nel 2008 come 'riservato' e sottoposto a segreto di Stato, che prevedeva contro le ecomafie software dedicato, codici a bare, pennini Usb per caricare dati di codici a bare e seguire i percorsi dei rifiuti trasportati su gomme, e' irregolare per i pm partenopei; un affare del costo di 146 milioni di euro poi lievitato fino a 400 milioni, con un test di prova fallito, 15 interrogazioni parlamentari e un sistema mai partito.
In totale sono 21 le misure cautelari in carcere, 19 delle quali con la concessione dei domiciliari, e 4 gli obblighi di presentazione alla Polizia giudiziaria emessi dal gip del tribunale di Napoli nell'ambito di un'inchiesta sulla corruzione anche di pubblici ufficiali per la gestione del Sistri, il sistema di rilevamento dei rifiuti affidato nel dicembre 2009 direttamente dal ministero dell'Ambiente alla Selex Service Management Spa, societa' del gruppo Finmeccanica.
 Per il Pm di Napoli, Selex, in violazione delle previsioni contrattuali e delle esigenze di sicurezza nazionale, legate alla posizione del segreto di Stato sul sistema, ha fatto ricorso a terzi per realizzarne una parte (progettazione, realizzazione e distribuzione dei dispositivi tecnici, formazione del personale, realizzazione dei centri nei quali collocare le infrastrutture tecnologiche e gestione del call-center). Le indagini hanno evidenziato continui ritardi nell'avvio del Sistri, ancora oggi non operativo nonostante l'esborso annuale di denaro pubblico. Scoperto anche un sistema di false fatturazioni e sovrafatturazioni tra Selex e societa' direttamente o indirettamente riconducibili a un imprenditore campano arrestato, e la creazione di fondi neri utilizzati in parte a beneficio dell'ex amministratore di Selex Service Management, di suo fratello, di persone loro vicine, e nella disponibilita' in parte dell'imprenditore. Attraverso falsi contratti forniture creati anche fondi per sponsorizzare con cifre definite "esorbitanti" la squadra di calcio abruzzese. 
onti correnti cifrati all'estero e societa' estere in paradisi fiscali del Delaware sono serviti a dare tangenti. Le fatture per operazioni inesistenti ammontano a circa 40 milioni di euro. Tra i destinatari per le misure, l'imprenditore, l'ex amministratore delegato, suo fratello, prestanomi e anche un ex consulente del Ministero, poi diventato Presidente della Commissione di vigilanza per la realizzazione del progetto. Emesso anche un decreto di sequestro preventivo per oltre 10 milioni di euro in corso perquisizioni. I reati contestati vanno dall'associazione per delinquere finalizzata all'emissione e l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, corruzione di pubblici ufficiali, dichiarazioni fraudolente.
ABRUZZO. Custodia cautelare in carcere per Sabatino Stornelli, ex Ad di Selex management service spa (Selex Se.Ma), azienda del gruppo Finmeccanica, e per il fratello Maurizio.

L'inchiesta è della procura di Napoli coordinata dall'aggiunto Francesco Greco su presunte irregolarita' nell'affidamento e nella gestione del Sistri, il sistema di controllo rifiuti voluto dal ministro dell'Ambiente Stefania Prstigiacomo per combattere le ecomafie e mai partito. Stornelli era anche consigliere della Abruzzo Engineering, socierta' mista controllata dalla Regione Abruzzo, nonche' ex presidente della societa' di calcio Pescina Valle del Giovenco, alla quale, dicono gli inquirenti partenopei, arrivarono cospicue sponsorizzazioni attraverso falsi contratti di forniture. In carcere anche l'imprenditore napoletano Francesco Paolo Di Martino, titolare della Edilm Security, societa' che ebbe un subappalto. 

L'affidamento a Selex managment service spa di un progetto classificato nel 2008 come 'riservato' e sottoposto a segreto di Stato, che prevedeva contro le ecomafie software dedicato, codici a barre, pennini Usb per caricare dati di codici a barre e seguire i percorsi dei rifiuti trasportati su gomme, è irregolare per i pm partenopei; un affare del costo di 146 milioni di euro poi lievitato fino a 400 milioni, con un test di prova fallito, 15 interrogazioni parlamentari e un sistema mai partito. 

21 PERSONE ARRESTATE

In totale sono 21 le misure cautelari in carcere, 19 delle quali con la concessione dei domiciliari, e 4 gli obblighi di presentazione alla Polizia giudiziaria emessi dal gip del tribunale di Napoli nell'ambito di un'inchiesta sulla corruzione anche di pubblici ufficiali per la gestione del Sistri, il sistema di rilevamento dei rifiuti affidato nel dicembre 2009 direttamente dal ministero dell'Ambiente alla Selex Service Management Spa, societa' del gruppo Finmeccanica. 

Per il Pm di Napoli, Selex, in violazione delle previsioni contrattuali e delle esigenze di sicurezza nazionale, legate alla posizione del segreto di Stato sul sistema, ha fatto ricorso a terzi per realizzarne una parte (progettazione, realizzazione e distribuzione dei dispositivi tecnici, formazione del personale, realizzazione dei centri nei quali collocare le infrastrutture tecnologiche e gestione del call-center). Le indagini hanno evidenziato continui ritardi nell'avvio del Sistri, ancora oggi non operativo nonostante l'esborso annuale di denaro pubblico.

Scoperto anche un sistema di false fatturazioni e sovrafatturazioni tra Selex e societa' direttamente o indirettamente riconducibili a un imprenditore campano arrestato, e la creazione di fondi neri utilizzati in parte a beneficio dell'ex amministratore di Selex Service Management, di suo fratello, di persone loro vicine, e nella disponibilita' in parte dell'imprenditore. Attraverso falsi contratti forniture creati anche fondi per sponsorizzare con cifre definite "esorbitanti" la squadra di calcio abruzzese. Conti correnti cifrati all'estero e societa' estere in paradisi fiscali del Delaware sono serviti a dare tangenti.

Le fatture per operazioni inesistenti ammontano a circa 40 milioni di euro. Emesso anche un decreto di sequestro preventivo per oltre 10 milioni di euro in corso perquisizioni. I reati contestati vanno dall'associazione per delinquere finalizzata all'emissione e l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, corruzione di pubblici ufficiali, dichiarazioni fraudolente.

I NOMI DEGLI ARRESTATI

In carcere sono finiti:
Francesco Paolo Di Martino, amministratore unico della Eldim Security Srl, amministratore di fatto della Advast e dell’Istituto scolastico Santa Croce, amministratore unico della Valdim Immobiliare e della Ingeco srl;
 Maurizio Stornelli, amministratore unico della Il Burcardo;
Sabatino Stornelli già amministratore delegato della Selex Sema e presidente del Consiglio di amministratore del Pescina Valle del Giovenco.

Ai domiciliari:
Vincenzo Berardino Angeloni, ex deputato di An poi Forza Italia, medico odontoiatra, originario di Avezzano, già condannato per bancarotta fraudolenta e già arrestato nell’inchiesta del gruppo Stati e amministratore unico della ditta Secure Code srl;
Erasmo Alfonso Carrella, amministratore della ditta Win Informatica Srl;
Giuseppe Catena, amministratore unico dell’istituto scolastico Santa Croce;
Danilo Cerreti;
Matteo Cerreti;
Walter Cerreti, amministratore unico della Damac Italia Srl;
Vincenzo Collaro;
Romano Corsetti, amministratore unico della All computer srl e della computer trading srl;
 Carlo Corti, Damac Italia;
Cinzia Crudele, socia della Damac Italia;
Marco Gaeteni, Information technology e Job Consulting srl;
Carlo Castriota Scanderbeg Malinconico, sottosegretario ministero
Domenico Marotta, liquidatore della Win Informatica Srl;
Luca Mastroianni, amministratore della Computer trading Srl e della All Computer;
Costantino Moio, amministratore della ArgusIt Srl;
Giovannino Moretti, depositario delle scritture contabili della Edil Tbs di Tranquilli Settimio e di Berardino s.n.c;
Roberto Oresti, amministratore della Gd Dynamic Solution srl;
Ferdinando Ottone, amministratore della Advast Srl/Intechservice Srl;
Pasqualina Ruocco, già amministratore unico della Advast;
Giovanni Sabetti, amministratore unico della Gsp Holding Srl;
Emanuela Stracqualursi, amministratore della Auxilium Trade srl;
Settimio Tranquilli, rappresentante della Edil Tbs; Maria Zacchia, amministratore Advast Srl.