LA MULTINAZIONALE

Trivelle, Medoil: «Ombrina Mare è un progetto sicuro»

«Idrocarburi risorsa comune per riduzione dipendenza energetica»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3396

pozzo ombrina mare




ABRUZZO. «Ombrina Mare è un progetto sicuro. Gli idrocarburi dell'Abruzzo sono una risorsa comune. Da Ombrina, oltre un miliardo di euro per lo sviluppo».
Così recita una nota diffusa da Medoilgas Italia questo pomeriggio, in contemporanea alla manifestazione, in corso a Pescara, contro il progetto.
«Al largo della costa abruzzese - prosegue il comunicato - Medoilgas ha rinvenuto il più importante giacimento di idrocarburi a mare scoperto negli ultimi anni in Italia».
«Si tratta di un patrimonio comune, del Paese e della Regione che, come altri progetti, può contribuire a ridurre la dipendenza dell'Italia dall'importazione di fonti energetiche. Una dipendenza che nel 2011 è costata al nostro Paese 63 miliardi di euro di deficit nei conti con l'estero e senza la quale, nello stesso anno, l'Italia avrebbe fatto registrare un surplus di 37 miliardi di euro».
«Anche a causa della dipendenza energetica dall'estero, in Italia il costo dell'energia è del 30% più alto che nel resto d'Europa», prosegue la nota osservando che «il fabbisogno energetico italiano non può essere soddisfatto dalle sole energie rinnovabili» e che «nel 2025 il fabbisogno italiano si baserà ancora, per il 74%, sulle fonti fossili».
Quindi per Medoilgas sostenere che vi sia una corsa alla 'petrolizzazione dell'Adriatico «significa fare affermazioni prive di sostanza».
«I dati del progetto, esaminati dal Ministero dell'Ambiente e implicitamente riconosciuti dalle associazioni ambientaliste (che non ne hanno contestato la validità) - prosegue la nota - dimostrano che l'impatto sulla popolazione sarà di fatto nullo o insignificante e che non vi sarà alcun impatto significativo sull'ambiente marino. Grazie allo sviluppo del progetto saranno generati oltre 250 milioni di euro di investimenti privati e, secondo le stime attuali, oltre 750 milioni di euro di gettito fiscale per lo Stato e per la Regione, destinabili a politiche di sviluppo, per un totale di oltre un miliardo di euro».