URBANISTICA E POLITICA

Pescara, via del Circuito: arrivano 4 nuove palazzine grazie al Decreto Sviluppo

La zona è quella dell’ex Consorzio Agrario Provinciale

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3851

PALAZZO IN COTRUZIONE





PESCARA. Primo sì, comincia l’iter.

La Commissione Gestione del Territorio ha approvato, con i voti favorevoli della maggioranza di governo e con la sola astensione del consigliere Udc Vincenzo Dogali, la proposta di riqualificazione dell’area dell’ex Consorzio Agrario provinciale, che prevede la realizzazione di quattro palazzine residenziali, di altezza massima di 25 metri (circa 7 piani), con parcheggi interrati su due livelli, e aree di cessione pubblica destinate a verde, parcheggi, con relativa monetizzazione di una superficie aggiuntiva.
La proposta riguarda l’intero comparto situato in via del Circuito, a due passi dal centro di Pescara, proposta avanzata dalla società Tre Gemme Srl, proprietaria degli immobili, si avvale delle nuove norme introdotte dal Decreto Sviluppo, e lunedì, 15 aprile, approderà all’esame del Consiglio comunale in quanto prevede il cambio della destinazione d’uso dei volumi che, da terziaria-produttiva, diventerà residenziale-commerciale. Lo ha detto il Presidente della Commissione Gestione del Territorio Marco Mambella ufficializzando l’esito della seduta odierna.
«Partiamo da un presupposto – ha detto il presidente Mambella -, ossia dall’enorme degrado in cui versa da anni l’area dell’ex Consorzio Agrario, dismesso da tempo e da allora abbandonato, divenendo rifugio per senzatetto, bloccati solo dopo che, in seguito ai ripetuti interventi e solleciti della Polizia municipale, sono stati murati tutti i possibili varchi d’accesso, dalle finestre, prive di infissi, alle porte».
La proprietà delle aree non è pubblica, ma di un privato, la società Tre Gemme Srl che ora, avvalendosi delle norme contenute nel Decreto Sviluppo ha presentato il progetto di riqualificazione. 


L’intervento prevede la demolizione degli attuali 6 fabbricati esistenti con destinazione terziaria-produttiva, ex sede del Consorzio Agrario, e la ricostruzione di 4 nuovi edifici con destinazione residenziale-commerciale, scaricando a terra solo la metà dei volumi oggi esistenti; poi si prevede la realizzazione di parcheggi privati interrati; la cessione di parte delle aree private in favore del Comune, da destinare a verde e parcheggi; infine la realizzazione di un tratto stradale a uso privato, parallela a via del Circuito, per il collegamento tra via Monte Camicia e i fabbricati retrostanti.
La superficie complessiva d’intervento è pari a 10mila 714 metri quadrati, con un volume previsto di 24mila 577 metri cubi; l’indice volumetrico sarà pari a 2,29 metri cubi su metro quadrato; altezza massima degli edifici 25 metri; 4mila 615,71 metri quadrati di parcheggi privati, con una distanza di 10 metri tra i fabbricati. Le aree di cessione a completamento degli standard sono di 3mila 638,52 metri quadrati, di cui 1.218,11 metri quadrati per parcheggi pubblici; 1.218,10 metri quadrati a verde pubblico; 1.202,31 metri quadrati oggetto di monetizzazione.
«La proposta – ha detto il presidente Mambella – è stata approvata oggi in Commissione, con la sola astensione dell’Udc rappresentata dal consigliere Dogali. Lunedì si passerà finalmente alla discussione in aula puntando sull’approvazione di un intervento di risanamento che i cittadini residenti nella zona attendono da anni».