LAVORI PUBBLICI

Scuola De Amicis: ditta di Isernia si aggiudica provvisoriamente i lavori

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2819

Scuola De Amicis: ditta di Isernia si aggiudica provvisoriamente i lavori



L’AQUILA. La General Costruzioni di Isernia è la ditta che si è aggiudicata provvisoriamente i lavori di consolidamento e recupero della scuola  elementare “E. de Amicis” in piazza S. Bernardino.
Erano 41 le ditte che hanno partecipato alla gara, con solo tre esclusioni per incompletezza degli atti.
L'importo iniziale dei lavori di circa 12 milioni e mezzo di euro ha  avuto un ribasso del 25% (9 milioni e mezzo). La cifra finale che si   aggira sui 10 milioni di euro comprende anche la progettazione definitiva ed esecutiva dell'opera.
«Io non dimentico, aveva scritto il 6 aprile Laura Pausini sulla sua  pagina Facebook. - commenta l'assessore alla Ricostruzione Pietro Di  Stefano - Neanche gli aquilani, sono certo, dimenticheranno mai  l'impegno e la generosità delle Amiche per l'Abruzzo che hanno reso  possibile, per una parte, il recupero di un pezzo fondamentale del  nostro centro storico: uno splendido edificio del 1400 che ha ospitato il primo ospedale dell'Aquila e che poi ha accolto, come scuola,  generazioni di bambini».

L'Università dell'Aquila e gli uffici del Comune hanno redatto il progetto preliminare in convenzione con il  
Provveditorato alle Opere Pubbliche che ha curato l'appalto e sovrintenderà all'esecuzione dei lavori.
«Il Provveditorato, guidato dall'Ing. Donato Carlea, ha  adempiuto con la solerzia, la capacità e la competenza tecnica dei  suoi dirigenti e dipendenti a questa prima delicata fase», ha detto Di Pietro, «Altrettanto  saprà fare nel governo dei lavori fino alla completa restituzione  dell'opera nelle mani del Comune di L'Aquila.  'Tra 500 giorni - conclude l'assessore - come recita l'offerta  temporale dei lavori, la Scuola De Amicis sboccerà insieme al palazzo  della Regione, al chiostro ed alla Chiesa di san Bernardino, 
restituendo un altro pezzo di città agli aquilani»