PESCA

Moria di vongole, 360 mila euro per i pescatori di Ortona

Prolungato fermo a causa della morte dei molluschi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4373

PORTO DI ORTONA

Porto di Ortona





ABRUZZO. La Regione Abruzzo vara due interventi per fronteggiare l'emergenza che ha colpito i pescatori di vongole del Compartimento marittimo di Ortona con uno stanziamento di 360 mila euro.
I provvedimenti si sono resi necessari a causa dei danni subiti dalle imprese, raggruppate nel Cogevo Frentano, in conseguenza del prolungato periodo di fermo delle attività nel periodo 22/10/2012 - 31/03/2013, dovuto alla moria dei molluschi nel tratto di mare ortonese.
«Attraverso una delibera di Giunta», ha spiegato l'assessore alla Pesca, Mauro Febbo «visto il parere favorevole della Conferenza regionale della Pesca, provvederà ad un parziale ristoro delle Imprese armatrici delle Unità da pesca abilitate al prelievo dei molluschi bivalvi, iscritte nel Compartimento marittimo di Ortona, con un finanziamento di 160 mila euro. Il provvedimento vuole essere una risposta al disagio patito per l'effettuazione di un prolungato periodo di fermo volontario, certificato da un documento presentato dal Cogevo Frentano e redatto dal CIRSPE (Centro italiano ricerche e studi per la pesca)».
Negli ultimi mesi, inoltre, a seguito di alcune prove eseguite per monitorare l'area di pesca, si è assistito ad un peggioramento della situazione.
«Ho ricevuto importanti rassicurazioni», ha spiegato Febbo, «per quanto riguarda la salute dei consumatori ed in sede di Conferenza Regionale della Pesca è stato confermato che non esiste nessun rischio perché il prodotto è costantemente monitorato. In tal senso, l'ulteriore intervento messo in campo dalla Regione Abruzzo consisterà in un Bando pubblico avente per oggetto lo studio scientifico della problematica che affligge i pescatori di Ortona e sarà finanziato con 200 mila euro di fondi Fep (Fondo europeo per la pesca)». L'obiettivo è comprendere quali siano le cause della moria dei molluschi bivalvi. Tale dovrà rappresentare un punto di partenza indispensabile su cui lavorare per evitare il ripetersi di questa situazione in futuro. «Nonostante le limitate risorse a nostra disposizione - ha concluso l'assessore - siamo riusciti a porre in essere degli interventi concreti, attraverso i quali la Regione vuole dare una risposta concreta alle istanze e alle difficoltà dei numerosi operatori, rappresentati dal Cogevo (Consorzio gestione vongole) frentano, che pescano in quel tratto di mare, costretti in questi mesi a cessare la loro attività con i conseguenti drammatici effetti».