SALUTE

Premio internazionale "Retina 2013" per la Clinica oftalmologica di Chieti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3510

Leonardo Mastropasqua

Leonardo Mastropasqua



CHIETI. Al professor Leonardo Mastropasqua, direttore del Centro di eccellenza in Oftalmologia dell’Università “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara, sarà conferita la Medaglia “Coscas” Retina 2013 massimo riconoscimento che una Commissione di esperti retinologi internazionali attribuisce a un personaggio che si è distinto nella diagnostica e chirurgia della retina. Il conferimento avverrà domani, sabato 23 marzo, a Roma alla presenza di oltre mille oculisti durante il Meeting Internazionale “Retina 2013”.
La Medaglia “Coscas” Retina 2013 viene conferita al professor Leonardo Mastropasqua per le innovazioni tecnologiche chirurgiche sulla retina che il docente della d’Annunzio ha apportato in questi ultimi anni, riconosciute e pubblicate sulle più prestigiose riviste scientifiche internazionali. Mastropasqua è stato infatti il primo in Italia a usare la robotica laser nella chirurgia della retina, ove la mano umana è affiancata da un computer e un robot laser con risultati di assoluta precisione e qualità.


I pazienti diabetici affetti da retinopatia diabetica, in particolare, ottengono i vantaggi maggiori da questa chirurgia, anche se tutte le patologie retiniche sono trattate con estrema precisione.
«Stiamo lavorando sulla robotica - afferma Mastropasqua - perché non vi sono dubbi che oggi l’alta tecnologia faccia la vera differenza nei risultati post-chirurgia, in particolare nella qualità della visione e nei tempi di recupero della stessa visione. Il robot e il computer consentono precisione di tagli e ricostruzione dei tessuti che nessuna mano umana potrà mai avere. Noi della d’Annunzio siamo stati pionieri in oculistica in Italia, avendo cominciato nel 2004. Oggi possiamo affermare che il chirurgo è fondamentale, ma la robotica rappresenta un valore aggiunto notevole. Il salto di mentalità è difficile, ma indispensabile se si vuole essere proiettati in un futuro peraltro prossimo».