RICOSTRUZIONE VIRTUALE

Terremoto, imprenditori e commercianti giovedì protestano in piazza

Manifestazione durante visita ministro Barca

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1879

Terremoto, imprenditori e commercianti giovedì protestano in piazza






L'AQUILA. Piccoli imprenditori e commercianti dell'Aquila scendono in piazza per protestare contro le gravi problematiche che caratterizzano la ricostruzione e che stanno mettendo in serio pericolo i loro bilanci.
Denunciano il fenomeno delle grandi aziende venute da fuori regione che si sono accaparrate milionari appalti privati e che dopo essere entrate in difficoltà economiche hanno bloccato i lavori ed i pagamenti mettendo nei guai condomini e fornitori; oppure, i casi di aziende che hanno anticipato i fondi per ricostruire immobili danneggiati dal terremoto e che ora non riescono ad incassare perché la Governance non è stata ancora ricostituita dopo la fine del commissariamento che risale al 31 agosto scorso. Proprio per alzare un grido di allarme è stata promossa una manifestazione dal titolo "Riprendiamoci quello che ci spetta di diritto" per giovedì alle 18 presso la sala conferenze dell'hotel Azzurro in viale Corrado IV.
Proprio nel giorno in cui il ministro per la Coesione territoriale Fabrizio Barca, inviato del premier Monti per la gestione della ricostruzione, sarà all'Aquila per chiarire i molti punti ancora irrisolti sul tappeto. A promuovere la protesta non sono rappresentati delle organizzazioni di categoria, ma un addetto ai lavori, Marzia Pitolli, titolare di un'azienda che rifornisce i cantieri. 


«Si tratta di una protesta pacata ma ferma, organizzata autonomamente e senza sigle sindacali o di categoria - spiega la piccola imprenditrice - che cade proprio nel giorno in cui il ministro Barca verrà in città per annunciare la svolta, ma si tratta solo di una coincidenza perché stiamo lavorando all'appuntamento da tempo».
Pitolli sottolinea che «anche è una iniziativa contro gli amministratori di condominio e i professionisti che hanno spalancato le porte della ricostruzione alle grandi imprese venute da fuori che hanno incassato e sono andate via lasciando i proprietari in mezzo a un mare di guai e una sfilza interminabile di fatture non saldate». Secondo Pitolli, «ci sono alcuni big dell'edilizia che hanno incassato buona parte dei contributi concessi e poi sono andati in crisi per problemi su cantieri aperti in altre parti d'Italia: ora portano i libri in tribunale, il rischio è che a caduta tocchi a tutti coloro che si sono fidati e hanno fatto credito»
Intanto il vice presidente vicario del Consiglio regionale Giorgio De Matteis chiede «un ulteriore sforzo complessivo tra istituzioni e associazioni di categoria» per la Zona Franca Urbana dell’Aquila.
«E’ una follia – spiega De Matteis – perdere questa opportunità, che rappresenta una grande occasione per il rilancio economico della nostra città. Ma purtroppo, ormai all’Aquila ci siamo abituati a tutto e la responsabilità è in gran parte di chi ha contribuito a creare solo confusione. Mi riferisco al Ministro Fabrizio Barca e al sindaco Massimo Cialente, che hanno fatto promesse sulle attività produttive per le quali non è arrivato neppure un euro. La Zona Franca Urbana è l’unico strumento concreto oggi disponibile per le aziende: il resto sono solo chiacchiere e mi auguro che i cittadini chiedano conto ai responsabili di quanto accaduto».