ACQUA

Le acque del Fiume Trigno come una fogna

Secondo le analisi dell'Arta ci sono tracce anche di Salmonella

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2892

Le acque del Fiume Trigno come una fogna



VASTO. Le acque del Fiume Trigno sono simili a quelle di una fogna, addirittura con presenza di Salmonella.
Il Wwf, nell'ambito dell'accesso agli atti relativo alla questione della potabilizzazione delle acque del fiume Trigno, ha ottenuto i referti dei monitoraggi avvenuti tra il 2011 e il 2012 volti alla classificazione del fiume ai fini della potabilizzazione delle sue acque a scopo idropotabile.
L'associazione sta studiando attentamente le carte ricevute dai vari enti. In questa fase si è concentrata sulla qualità delle acque del fiume al punto di captazione di Lentella, prima della successiva potabilizzazione.
Dunque i dati si riferiscono alla qualità del fiume e non a quella dell’acqua poi realmente distribuita a seguito di trattamento.
In diversi periodi dell'anno il fiume Trigno ha presentato parametri di tipo microbiologico degni di una fogna, con punte di coliformi di 100.000 (per il prelievo del 25 luglio 2011) e 80.000 (per il prelievo del 6 marzo 2012) U.F.C.(Unità Formanti Colonia, l'unità di misura usata per questo parametro, n.d.r.) per 100 Ml di acqua. Anche a luglio 2012 i valori erano estremamente alti (15.000 UFC/100Ml, per il prelievo del 16 luglio 2012) a testimonianza del permanere di condizioni ambientali critiche.
A mero titolo di esempio al momento di autorizzare uno scarico il valore consigliato dal D.lgs.152/2006 è di 5.000 U.F.C./100 Ml, valore routinariamente fissato nelle autorizzazioni allo scarico da parte degli enti quale limite da rispettare.
Valori quali quelli trovati dall'ARTA per il Trigno sono tipici di scarichi non trattati, come le acque di fogna. Inoltre si segnala la presenza in diversi periodi dell'anno di Salmonella (come ad agosto 2011, Ottobre 2011 e Gennaio 2012).


 Il WWF fa notare che in caso di presenza di Salmonella in diverse aree italiane sono immediatamente scattate ordinanze sindacali e provinciali (che sono facilmente rintracciabili anche sul web) con pesanti divieti (tra cui l'uso dell'acqua per irrigazione e la pesca).
Quali provvedimenti sono stati presi in questa occasione per il Trigno dalle varie autorità competenti?
«La situazione del fiume Trigno è, purtroppo, simile a quella di tanti altri fiumi abruzzesi», dichiara Augusto De Sanctis, referente acque del Wwf, «Continuiamo a pensare di poter trattare i corsi d'acqua esclusivamente come ricettacolo dei nostri reflui e come fonte di acqua per le attività produttive, come se la risorsa fosse inesauribile. Il Trigno, oltre a ricevere scarichi spesso non trattati o trattati in maniera inefficiente, è sottoposto a numerose captazioni che ne riducono la portata abbattendo la sua capacità di auto-depurazione. In questa situazione, peraltro nota da molti anni, tanto che avevamo segnalato nel dossier fiumi 2010 il peggioramento della qualità delle acque di questo fiume tra il 2008 e il 2009, appare quantomeno sorprendente che le attività di classificazione del fiume a Lentella per fini idropotabili risalgano al 2011-2012. Questo aspetto risalta ancora di più alla luce della decisione finale sulla classificazione dell'ottobre 2012 che ha sancito l'impossibilità di potabilizzare le acque del Trigno dalla captazione di Lentella».
La classificazione dovrebbe precedere qualsiasi utilizzo e la legge prevede che devono essere pubblicati entro una settimana sui siti Web dei vari enti tutti i risultati ottenuti, e devono organizzare anche incontri pubblici.
«Anche solo questo aspetto della vicenda», conclude De Sanctis, «è per noi molto grave poiché colpisce il diritto dei cittadini ad essere costantemente informati su questioni fondamentali per l'esistenza come l'approvvigionamento idrico».