LA PROTESTA

Pallavolo Montesilvano, presidente Orsini furioso: «la politica sta distruggendo lo sport»

«Futuro a tinte fosche»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4412

Pallavolo Montesilvano, presidente Orsini furioso: «la politica sta distruggendo lo sport»




MONTESILVANO. Dopo l’incontro di ieri con il Comune il presidente della Pallavolo Montesilvano Mauro Orsini dipinge un quadro a tinte fosche sul futuro dello sport nella città.
Dice Orsini: «il quadro dello sport che emerge dall’incontro ha un paesaggio inquietante e desolante. La vicenda della chiusura della quasi totalità degli impianti sportivi è l’ennesimo capitolo della cattiva politica. Ci aspettavamo che l’amministrazione fornisse risposte e garanzie sul futuro dello sport in città e invece l’impressione ricavata è che si naviga a vista. Il centro Trisi ci dicono, sarà restituito tra un mese, ma anche se fosse, e scommetto che non sarà così, la stagione è ormai compromessa».
La Pallavolo Montesilvano si è offerta di effettuare banali riparazioni alla palestra in Via Olona di Villa Verrocchio per riconsegnarla alla scuola e alle squadre perché il Comune non ha i soldi per farlo, «ma intanto», continua Orsini, «la giunta comunale spende futilmente denaro pubblico per premiare associazioni e per organizzare tornei di calcetto. La riqualificazione del Palasenna è stata gestita finanziariamente malissimo ed ora non ci sono ditte che intervengono poichè sono diffidenti nei confronti dell’ amministrazione comunale».
Le associazioni sportive hanno chiesto al comune di poter gestire personalmente il centro Trisi ma le forze politiche, secondo alcune dichiarazioni, non sono orientate in questo senso.
«Si brancola nel buio», continua Orsini, «senza rendersi conto del colpo mortale inferto allo sport e ai giovani che senza impianti sportivi sono ricacciati in strada esposti ai pericoli della vita. E’ una situazione inaccettabile che dovrà essere affrontata immediatamente e alla quale presterò tutta l’attenzione e l’impegno di cui sarò capace».