A PROCESSO

Terremoto: due a processo per false attestazioni sulle riparazioni

Ieri l’udienza preliminare

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4935

Terremoto: due a processo per false attestazioni sulle riparazioni




L’AQUILA.  Avrebbero approfittato della deficienza psichica e fisica di un uomo per fargli sottoscrivere una fittizia dichiarazione di ultimazione dei lavori post-sisma.
 E' quanto ha contestato la Procura della Repubblica dell'Aquila a Marcello Lorenzetti di 65 anni dell'Aquila e a Mariolino Masiello di 67 anni di Salerno ma residente in citta'.
 I due, al termine dell'udienza preliminare di ieri, sono stati rinviati a giudizio con le accuse di circonvenzione di persona incapace e truffa in concorso.
In particolare il primo (Lorenzetti) nella qualita' di direttore tecnico dei lavori incaricato da due committenti (la coppia proprietaria dell'abitazione) della riparazione dei danni causati dal sisma del 2009 di un'immobile ubicato in via Beethoven a Pettino, e il Masiello, quale titolare dell'omonima impresa edile individuale, affidataria dei lavori , «al fine di procurarsi profitto corrispondente alla liquidazione dell'importo di lavori eseguiti solo in minima parte», abusando dello stato di deficienza di uno dei due committenti, «lo inducevano a sottoscrivere fittizia dichiarazione di ultimazione dei lavori».
 Sempre ai due e' stato contestato il reato di truffa, poiche' proprio attraverso le condotte illecite, hanno «indotto in errore il Comune dell'Aquila, determinandolo a liquidare il contributo pubblico per la riparazione degli edifici per la somma di 8 mila euro».