IL FATTO

Beppe Grillo contro i conduttori tv: «pagati per sputtanarci»

Nei giorni scorsi un presunto attivista da Barbara D’Urso: «non lo conosciamo»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3679

Beppe Grillo contro i conduttori tv: «pagati per sputtanarci»




ROMA. Beppe Grillo torna all'attacco, e dalle pagine del suo blog se la prende ancora una volta con i media.
Il leader del M5S stavolta ce l'ha con i conduttori televisivi per il «lavoro di sputtanamento» nei confronti del Movimento: «Sono pagati per quello dai partiti», sostiene, sottolineando che «l'accanimento delle tv ha raggiunto limiti mai visti». E per questo chiede di «rivedere anche i contratti di concessione per le televisioni private».
«L'accanimento nei confronti del M5S è qualcosa di sconvolgente, di morboso, di malato, di mostruoso, che sta sfuggendo forse al controllo dei mandanti» dice Grillo che cita «il folle assalto all'albergo Universo a Roma dove si sono incontrati lunedì i neo parlamentari del M5S».
«Scene da delirio - aggiunge - . Questa non è più informazione, ma una forma di vilipendio continuato, di diffamazione, di attacco, anche fisico, a una nuova forza politica incorrotta e pacifica. Le televisioni sono in mano ai partiti, questa è un'anomalia da rimuovere al più presto. Le Sette Sorellastre televisive non fanno informazione, ma propaganda».

Secondo Grillo, nel dopo elezioni la tecnica dei conduttori televisivi «è, con voce suadente, sbranare pubblicamente ogni simpatizzante o eletto del M5S e dimostrare al pubblico a casa che l'intervistato è, nell'ordine, ignorante, impreparato, fuori dalla realtà, sbracato, ingenuo, incapace di intendere e di volere, inaffidabile, incompetente. Oppure va dimostrato il teorema che l'intervistato è vicino al pdmenoelle, governativo, ribelle alla linea sconclusionata di Grillo, assennato, bersaniano. In entrambi i casi, il conduttore si succhia come un ghiacciolo il movimentista a cinque stelle, vero o presunto (più spesso presunto), lo mastica come una gomma americana e poi lo sputa, soddisfatto del suo lavoro di sputtanamento».
Proprio nei giorni scorsi il Movimento 5 stelle ha denunciato pubblicamente l’intervista a Pomeriggio Cinque da parte di Barbara D’Urso di un sedicente grillino. Ma il M5S smentisce: «nessuno lo conosce! E sicuramente nessuno del movimento sarebbe intervenuto in una delle scandalose trasmissioni di Barbara d'Urso! Stanno facendo di tutto per cercare di fermarci organizzando anche finte interviste »

IL ‘FINTO’ GRILLINO