IL FATTO

Beppe Grillo minaccia Equitalia e Agenzia delle entrate ma è un falso

Scatta la denuncia alla procura

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

3613

Beppe Grillo minaccia Equitalia e Agenzia delle entrate ma è un falso




ABRUZZO. Sarà un virus, una opera di un abile hacker, di un bontempone magari non dei servizi segreti…
Sta di fatto che lo scherzo che ha fatto impaurire centinaia di dipendenti delle Agenzie delle Entrate e di Equiatalia è durato poco ed è finito con una denuncia alla procura della Repubblica.
Stamattina all’ingresso in uffico i dipendenti degli enti che si occupano di tasse e fisco hanno trovato una mail dal tenore inequivocabile.
«Se sei un dipendente di Equitalia o dell'Agenzia delle Entrate», recita la mail inviata apparentemente da una mailing list associata al sito di Beppe Grillo, «allora, hai ricevuto questo messaggio perchè alcuni cittadini ci hanno fornito informazioni, fatti e prove su di te che denunciano i tuoi abusi ed i tuoi crimini. Noi ti stiamo monitorando e presto agiremo contro di te. Ti apriremo come una scatoletta! Se sei un semplice cittadino allora hai ricevuto questo messaggio come chiamata a reagire contro questi feudatari vigliacchi».
E poi l’invito a inoltrare il messaggio a più persone possibile virando sul più becero stile delle “catene di Sant’Antonio”.
La missiva si conclude con l’invito a raccogliere prove delle ruberie e inviarle al Movimento 5 stelle… «noi stiamo raccogliendo un enorme archivio e presto ti daremo la giustizia che meriti. E sarà una giustizia diretta!!!»
Una missiva già segnalata allo staff di Beppe Grillo che ha smentito la paternità dell’iniziativa promettendo verifiche sul sistema informatico per capire se e come possa essere stato violato. Intanto Agenzia delle Entrate ed Equitalia hanno già depositato una denuncia mentre oggi c’è stata una riunione con i sindacati.
Il clima particolarmente delicato e instabile, con la prossima formazione del governo, ha dato lo spunto a qualcuno per tirare una scherzo con minacce? In pochi ci sono cascati. Anche in rete si lasciano tracce: alla Postale il compito di seguirle per il seguito della storia.