SICUREZZA IN CITTA'

Montesilvano. «Emergenza criminalit». La Destra chiede le dimissioni dell'assessore

Rosa: «microcriminalità in aumento»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1457

rapina portavalori montesilvano



MONTESILVANO. «La microcriminalità ha raggiunto livelli preoccupanti, nella totale indifferenza di chi ha il compito di tutelare i cittadini».
E' con forza che La Destra chiede quindi le dimissioni dell'assessore Vittorio Iovine. Le cronache locali hanno raccontato di furti a catena. Nella giornata di mercoledì 4 case sono state svaligiate, rubati oro e soldi per 20 mila euro. In via Vittorio Emanuele hanno preso monili in oro e una borsa da donna, in via Alcide de Gasperi monili in oro e denaro contante, in via Conero solo oggetti in oro e in via Fosso Foresta cinque orologi, di cui uno d'oro. Sia in questa casa che in via De Gasperi hanno aperto senza difficolta' la cassaforte, usando delle mole a batterie.
In una settimana sono sparite 10 automobili e martedì notte una donna sarebbe stata violentata da un uomo che le avrebbe dato un passaggio.
Ma intanto il coordinatore cittadino, Roberto Rosa, torna all'attacco della maggioranza guidata dal sindaco Attilio Di Mattia, chiedendo che l'assessore competente in materia di sicurezza lasci il suo incarico.

«Montesilvano è ormai teatro quotidiano di furti, truffe, rapine – scrive Rosa - ma anche risse e spaccio di droga sono all'ordine del giorno. I nostri concittadini non si sentono al sicuro, non si può uscire di casa senza avere paura di rimanere vittime di qualche atto criminoso. Le forze dell'ordine, in particolare la compagnia dei carabinieri di Montesilvano guidata dal capitano Enzo Marinelli, fanno quello che possono, svolgono il loro lavoro con il massimo dell'impegno e per questo meritano tutta la nostra gratitudine. Il problema però non si risolve con la repressione, bensì con la prevenzione, compito esclusivo dell'amministrazione comunale. Purtroppo, però, la maggioranza del sindaco Di Mattia continua a distinguersi per la più completa indifferenza in tema di sicurezza».

«Cosa è stato fatto finora per combattere la criminalità dilagante? - chiede infine l'esponente de La Destra - L'assessore competente ha un piano per arginare questo allarmante fenomeno? Se ce l'ha, deve illustrarlo nel corso del prossimo Consiglio comunale. Difficile, comunque, credere che ci sia il benché minimo progetto, visto che neanche l'impianto di videosorveglianza è stato ancora realizzato».