IL FATTO

Abruzzo/“L’Olandese volante” atterra a Pescara: gabbiano vola per 1700 chilometri

Dall’Olanda in Abruzzo: la storia di un avvistamento particolare

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3008

Abruzzo/“L’Olandese volante” atterra a Pescara: gabbiano vola per 1700 chilometri



PESCARA. Può un gabbiano volare dall’Olanda fino a Pescara?
La risposta è sì e c’è la certezza assoluta. La scoperta l’ha fatta la stazione ornitologica di Pescara del Wwf che ha avvistato e fotografato un gabbiano speciale chiamato E7NJ con tanto di targhetta e anello bianco ad una zampa.
Il Wwf l’ha già definito l’”olandese volante” che ha toccato terra nei pressi del porto di Pescara. Una storia incredibile, molto rara anche se non unica.
Si tratta di un viaggio di almeno 1700 chilometri nei cieli d’Europa. E potrebbe non essere la prima volta. Questa volta i gabbiani non sono sporchi di petrolio come accaduto di recente.
L’avvistamento è avvenuto ieri durante la gara a chi osserva più anelli, al Porto di Pescara.
Così è stato scoperto anche di E7NJ (anello bianco), un gabbiano comune di quattro anni di età inanellato in Olanda il 21 novembre 2008 a Roermond.
Di solito per leggere gli anelli servono i cannocchiali ma a volte, specialmente nei porti, è possibile leggere gli anelli anche con mezzi meno professionali, come binocoli e normali macchine fotografiche digitali dotate di un minimo di zoom.
«Questa foto», conferma Augusto De Sanctis del Wwf, «è stata  scattata a pochi metri di distanza direttamente dall'auto, a cui i gabbiani pescaresi sono piuttosto abituati. Invitiamo quindi tutti a partecipare alla gara di lettura di anelli promossa dalla Stazione Ornitologica Abruzzese e dal WWF. Il concorso termina domenica 17 febbraio».
Occhio dunque al cielo e al mare per scovare nuovi gabbiani inanellati.