LA PROTESTA

Abruzzo/La crisi economica colpa di Bankitalia: letame davanti tutte le sedi

Il gesto di protesta di Forza Nuova

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

2118

PROTESTA BANKITALIA



ABRUZZO. Stringendo stringendo la crisi è colpa delle banche e di Bankitalia che tutto sovrintende. Per questo stanotte esponenti di Forza Nuova hanno lasciato un ricordino davanti le sedi abruzzesi  della Banca d’Italia.
«Si tratta di un gesto significativo per richiamare l'attenzione di tutti gli Italiani sui colpevoli che hanno generato la crisi».
Davati ogni ingresso: tre sacchi di letame con sopra scritto: “debito pubblico, derivati, e signoraggio”, ovvero le grandi truffe perpetrate dall'alta finanza a danno del Popolo Italiano.
Forza Nuova accusa di signoraggio Bankitalia S.p.A., ente "pubblico" ma per il 94% di proprietà dei grossi colossi bancari italiani (Unicredit, Monte dei Paschi, Intesa etc, etc.) e detentrice di circa il 15% delle quote della pure privata Banca Centrale Europea, arricchitasi con l'emissione a debito dell'Euro nei confronti dei cittadini Europei.
Forza Nuova accusa Bankitalia S.p.A. di «non porre alcun controllo, anzi di incentivare l'uso, a dir poco ballerino, di derivati finanziari come strumenti di speculazione internazionale perpetrati dai colossi bancari che hanno ormai trasformato i governi nazionali in eterni debitori; si pensi che nel 2010 vi erano in circolazione 600mila miliardi di dollari di derivati, contro un PIL mondiale di 70mila miliardi di dollari».
Forza Nuova accusa Bankitalia S.p.A. e i governi collaborazionisti, «di aver reso gli Italiani schiavi di un debito pubblico non creato dal Popolo; un debito pubblico che oggi puo' e deve essere estinto soltanto non pagandolo, insieme al ritorno ad una economia reale e per il ripristino della sovranità monetaria attraverso l'emissione di moneta a credito, e non più a debito. Forza Nuova accusa Bankitalia S.p.A. di essere un'associazione a delinquere che truffa ogni giorno i cittadini ignari, in totale combutta con la casta politica italiana».
«Siamo consci che», spiega Marco Forconi, «oltre a Forza Nuova, nessun altro partito politico in queste elezioni vuole dare soluzione diretta alla crisi, e il totale blackout mediatico al quale siamo sottoposti lo giustifica ampiamente.  Persino Grillo ha fatto sparire dal programma la parola "sovranità monetaria" trasformandosi di fatto da movimento anti-sistema a movimento garante del sistema. Con l'azione nazionale di questa notte, Forza Nuova ha restituito al mittente una materia che ha ben più valore della carta straccia: mentre il letame consente alla terra di crescere nuova vita con cui sfamare il popolo, l'Euro lo sta avvelenando».