RICOSTRUZIONE

Abruzzo/Sisma L'Aquila: Monti firma decreto per contributi ricostruzione privata

Fissate le nuove procedure per accedere ai fondi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4263

l'aquila terremoto





ROMA. Il Presidente del Consiglio, Mario Monti, ha firmato oggi il decreto che definisce nuove procedure per il riconoscimento dei contributi per la ricostruzione privata de L'Aquila e degli altri Comuni del cratere.
Il documento, in particolare, introduce il metodo parametrico per la concessione degli indennizzi nei centri storici, uno strumento che potrà consentire di accelerare l'iter nell'erogazione dei rimborsi e ottenere un maggiore risparmio rispetto alla precedente procedura che, in ogni caso, non sarà annullata. L'adesione al nuovo procedimento, infatti, sarà frutto di una scelta volontaria dei cittadini interessati, come previsto nel decreto attuativo che riguarda la città di L'Aquila.
Tre le principali caratteristiche del metodo parametrico una volta a regime. Il primo è il calcolo dell'indennizzo, che sarà determinato dopo un'analisi degli edifici effettuata dai progettisti con il supporto della cosiddetta "scheda progetto", da cui saranno rilevati gli elementi per comprendere il danno e la vulnerabilità dei fabbricati. Da tali parametri verrà stabilito l'ammontare dell'indennizzo, fissato in quattro livelli progressivi.
I rimborsi, inoltre, potranno subire maggiorazioni, anche fino al 100%, qualora l'immobile presenti particolare pregio storico-architettonico in ragione di vincoli paesaggistici (Intesa Comune Aquila e MiBAC) o ai sensi della Legge 1089 del 1939 "Tutela delle cose d'interesse Artistico o Storico".
Per gli "edifici di pregio" sono previsti aumenti fino al 60%. La determinazione dell'indennizzo avverrà - per gli altri Comuni del cratere - attraverso la predisposizione di una scheda parametrica da parte del competente Ufficio speciale di rifermento. Il secondo è la programmazione degli interventi. La trasmissione del progetto e della richiesta di indennizzo sarà articolata in due fasi. La prima consisterà nel trasferimento, entro il 2013, della "scheda progetto" al Comune, anche per consentire di pianificare gli interventi in base alla disponibilità dei fondi e altri criteri. Seguirà, poi, la seconda parte del progetto, da redigere nell'anno in cui verrà finanziato l'intervento e che potrà essere aggiornato alle reali condizioni di danno-vulnerabilità e di costo vigenti al momento del finanziamento. Il terzo è l'istruttoria. Nel caso in cui gli importi richiesti dai privati siano inferiori all'indennizzo limite concedibile, così come rilevato dalla "scheda progetto", l'istruttoria non sarà incentrata sull'analisi dell'entità finanziaria, ma principalmente sui requisiti di sicurezza sismica, adeguamento energetico, rispetto delle prescrizioni per la tutela del patrimonio edilizio, etc. Se, al contrario, gli importi richiesti supereranno l'indennizzo limite concedibile, è prevista una verifica puntuale dei costi