L'ESPOSTO

L’Aquila/Macerie e ricostruzione: Vigili del Fuoco presentano esposto

Demolizione del palazzo Anas, «procura indaghi»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4879

L’Aquila/Macerie e ricostruzione: Vigili del Fuoco presentano esposto

Palazzo Anas via XX settembre (L'Editoriale)

L’AQUILA. Il Conapo, sindacato autonomo dei vigili del fuoco, ha presentato un dettagliato esposto alla procura della repubblica di L’ Aquila e alla Corte dei Conti.


Si chiede così di fare piena luce sull'affaire macerie e demolizioni, in corso nel capoluogo abruzzese in seguito al tragico sisma del 6 aprile 2009.
Sin dalle ore immediatamente successive al sisma, i vigili del fuoco (ribattezzati ‘gli angeli del terremoto’) sono intervenuti in massa da ogni parte d'Italia per dare soccorso alla popolazione. Nel corso degli anni sono state tante le inchieste aperte dalla magistratura sia rispetto ai crolli di quella notte che hanno provocato oltre 300 vittime, sia in riferimento agli eventi successivi.
Recentemente, il segretario provinciale Conapo di L’ Aquila, Elio D'Annibale, ha portato all’attenzione del sindacato nazionale alcuni articoli di stampa del periodico online ‘l’editoriale’, che riferiscono di presunti interessi e spartizioni, in riferimento a demolizioni e trasporto delle macerie tra privati, vigili del fuoco ed Asm (Aquilana Società Multiservizi, ndr), i quali si starebbero litigando la demolizione del palazzo che era sede dell'Anas fino al giorno del terremoto, ed il relativo trasporto in discarica dato che, da quanto si legge negli articoli «sarebbe uno degli ossi più polposi che resta».
In tali articoli ci si chiede, inoltre, come mai nel 2009 i tecnici della protezione civile che compilarono le schede AeDes dichiararono che non erano stati rilevati danni strutturali ed oggi il comandante provinciale dei vigili del fuoco dichiara che la struttura del palazzo è a rischio crollo, per cui ne chiede l'abbattimento con la procedura dell'urgenza. E ancora «come mai non è stato minimamente interpellato il Gta (Gruppo Tecnico di sostegno Allargato, ndr) per un sopralluogo?».


Nell'articolo si afferma chiaramente, tanto da costituirne il titolo, che il palazzo dell'Anas è sano ma, come sostenuto dai Vigili del Fuoco, va abbattuto. («Caso curioso», si legge, «è che a richiederne l'abbattimento, non è stata l'Anas che ne è proprietaria, ma i Vigili Del Fuoco, con il chiaro intento di vedersene affidato l'appalto, senza gara, ma con affidamento diretto»).
«Su tali articoli – aggiunge il sindacalista Elio D'Annibale – ci si chiede anche come mai ancora non arrivino a L'Aquila gli automezzi donati dalla Fiat e sollecitati dallo stesso Conapo che, più di un anno fa, ne ha denunciato la triste vicenda».
Nella documentazione di stampa presa in esame, in definitiva, si evocano, senza mezzi termini, presunte spartizioni di «torte che hanno fatto nascere più di un appetito»; si pongono interrogativi sulla necessità, nonchè sulla gestione, delle demolizioni che «fanno parte delle emergenze e quindi sono affidate senza gara ad evidenza pubblica, ma con il sistema della procedura negoziata, usata in emergenza con l'invito di poche ditte»; sui rapporti tra privati, vigili del fuoco ed Asm che, sempre in riferimento al palazzo dell'Anas, «si stanno litigando la demolizione ed il relativo trasporto in discarica'».
«Allusioni di una certa gravità – precisa il segretario generale del Conapo Brizzi – che necessitano della dovuta chiarezza e della ricerca della verita’, che solo le procure della repubblica e della corte dei conti possono appurare, da qui la decisione del Conapo di inviare gli articoli de ‘l’editoriale’ alle procure esponendo i fatti e chiedendo gli opportuni accertamenti».
«Ritengo – conclude Brizzi - che le notizie diffuse su questa vicenda siano oggettivamente gravi. Per questo motivo ci siamo rivolti alla magistratura chiedendo di indagare sulla veridicità di quanto riportato in tali articoli, nonché di accertare se sia o meno prefigurabile a carico di pubblici amministratori e dirigenti, qualsivoglia responsabilità penale nonché per danno erariale, anche in considerazione delle affermazioni evidenziate che, qualora infondate, risulterebbero gravemente lesive dell'immagine del Corpo nazionale dei vigili del fuoco nonché dell'onorabilità dei suoi appartenenti, tanto che, in questo caso, il sindacato chiede alla procura provvedimenti verso gli autori degli articoli».

***L’ARTICOLO ALLEGATO ALL’ESPOSTO
***IL SECONDO ARTICOLO ALLEGATO ALL’ESPOSTO