IDEOLOGIE

Abruzzo/Mercato extracomunitari Pescara, il sit in di protesta raddoppia

Forza Nuova e Rc si ‘sfidano’ a pochi metri di distanza

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3156

Abruzzo/Mercato extracomunitari Pescara, il sit in di protesta raddoppia




PESCARA. Non solo Forza Nuova in strada per dire no al mercato gestito dai senegalesi, ma anche Rc scenderà in piazza per dire no al razzismo.
Domenica mattina si terrà una manifestazione di protesta di Forza Nuova contro il mercato etnico che si trova nell'area di risulta.
Il presidio, regolarmente autorizzato dalla Questura, si terrà in piazza della Repubblica, dalle ore 10 alle ore 12.
Il movimento di estrema destra protesta contro il «centro commerciale all'aperto» gestito dagli extracomunitari. «Vengono violate ripetutamente le regole senza conseguenze ma se un commerciante italiano viene trovato in difetto a seguito di un controllo tributario scattano multe e, per grave recidività, è prevista anche la chiusura a tempo indeterminato del proprio esercizio», ha spiegato il responsabile Marco Forconi chiarendo i motivi della protesta.
Nei giorni scorsi Rifondazione Comunista, Sel e anche l’Anpi, associazione nazionale partigiani italiani, avevano chiesto di vietare l’evento per «evidenti problemi di ordine pubblico».
Venerdì pomeriggio una delegazione dell’associazione Lavoratori immigrati senegalesi si è recata in questura «per dire no al razzismo». Hanno partecipato Mbaye dell'Alis, Patrick Goubadia del Coordinamento Immigrati Cgil, il segretario provinciale del Prc Corrado Di Sante e il consigliere comunale e regionale Maurizio Acerbo».
«E’ solo l’ultimo episodio di un clima crescente di xenofobia e razzismo», hanno denunciato Mbaye e Goubadia, «si approfitta della crisi per alimentare la violenza contro gli immigrati. Non si possono tollerare iniziative e manifestazioni basate sulla violenza e sul razzismo. E’ vergognoso che chi inneggia a formazione razziste e naziste trovi spazio e libertà di iniziativa nella nostra città dove vivono e lavorano numerose comunità migranti».


«ANCHE RC IN PIAZZA»
«La dirigente della Questura», riferisce il consigliere regionale Acerbo, «ha garantito che la manifestazione di Forza Nuova sarà tenuta a debita distanza dal mercatino. Noi abbiamo confermato che - come già comunicato alla Questura ai sensi della normativa vigente - intendiamo tenere un presidio presso il mercatino domenica mattina dalle 10 alle 13. Nelle prossime ore contatteremo tutte le forze democratiche, le associazioni del volontariato e le stesse istituzioni per chiedere di partecipare. Invitiamo tutti i cittadini e le cittadine che ripudiano xenofobia, razzismo e fascismo a ritrovarci al mercatino dove vogliamo manifestare il rapporto ormai consolidato di solidarietà e amicizia che lega i pescaresi alla comunità senegalese.
Non vogliamo manifestare contro, ma per i valori che sono alla base della Costituzione repubblicana».
Rifondazione assicura che quella di domenica sarà una giornata «di festa, musica e di allegria: per questo abbiamo invitato artisti e dj. Risponderemo con le vibrazioni positive della reggae music e dell'afrobet a chi predica l'intolleranza».

Solidali con Rc anche il Pd e Sel che reputano inopportuno aver autorizzato la manifestazione con «La dirigente della Questura».

«I gravi disagi in cui versano i commercianti di Pescara e il problema generale del commercio in città è una questione seria che va affrontata seriamente, ridicolo dare la colpa alle merci contraffatte delle bancarelle senegalesi e arrivare a difendere quindi le azioni palesemente violente ed illegali dell'estrema destra», dice il consigliere Sel, Giovanni Di Iacovo.