COLPO GROSSO

Rapina fotocopia in banca con ostaggi, si pensa a colpi di banda campana

Le indagini stanno cercando di intrecciare dati anche di altri colpi simili

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2371

Rapina fotocopia in banca con ostaggi, si pensa a colpi di banda campana
ROSETO. Rapina con ostaggi messa a segno ieri ai danni della filiale della Unicredit a Roseto.

Un colpo che avrebbe fruttato un bottino di almeno 150mila euro. Secondo quanto si apprende dai primi rilievi degli inquirenti sarebbero emerse testimonianze che farebbero pensare ad una pista campana.
I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Giulianova (Teramo) stanno vagliando i filmati e le testimonianze. Il colpo messo a segno ieri pomeriggio sembra la fotocopia di quello compiuto alla Banca dell'Adriatico di via Pannella a Teramo a ottobre scorso.
In quella circostanza il bottino fu di circa 100mila euro ed anche in quel caso i dipendenti furono presi in ostaggio.
I rapinatori erano, come nel caso della Unicredit, italiani con accento campano. A Nereto, invece, tre settimane fa, tre malviventi con accento napoletano rapinarono la filiale di Banca Tercas prima di fuggire.
Tornando al caso di Roseto, i rapinatori erano professionisti incappucciati. In banca hanno fatto irruzione in due ma pare vi fosse un terzo complice all'esterno pronto ad agevolare la fuga. I rapinatori erano penetrati nei locali situati al piano superiore della banca. Con la fiamma ossidrica hanno creato un foro nella porta blindata ed hanno fatto irruzione in banca tenendo in ostaggio i dipendenti.
 I malviventi hanno atteso piu' di un'ora perche' la cassaforte a tempo si aprisse. I testimoni raccontano di non essere stati aggrediti e che i rapinatori hanno avuto un atteggiamento educato tanto che, prima di fuggire hanno salutato cordialmente.
La gentilezza però non li salverà nel caso in cui avessero lasciate tracce precise che permetteranno agli investigatori di acciuffarli.