IL FATTO

Pescara: accampamento in piazza Primo Maggio, vigili sgomberano senzatetto

Tra giostre e aiule è sbucata una tenda

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1463

Pescara: accampamento in piazza Primo Maggio, vigili sgomberano senzatetto

PESCARA. Avevano allestito un vero accampamento in pieno centro, nei giardinetti di piazza Primo Maggio.
Tra giostrine e aiuole è spuntata anche una vera tenda attrezzata, all’interno, con materassini da campeggio e coperte. A smantellare la struttura è stata la Polizia municipale che, all’interno, ha trovato tre rumeni, tutti identificati, clochard già noti in città, i quali sono stati invitati a raggiungere le strutture d’accoglienza per affrontare la notte. Nel frattempo sul posto sono arrivati gli uomini della Attiva che, sotto l’occhio vigile degli agenti, hanno rimosso materassini e tenda da campo, posti sotto sequestro dalla Polizia municipale, ripulendo l’area dai rifiuti abbandonati, tra cui molte bottiglie di bevande alcoliche.
«L’operazione è tesa ad eliminare un elemento di degrado e a far rispettare l’ordinanza vigente circa il divieto di consumare alcolici nei giardini della città», ha spiegato il presidente della Commissione consiliare Sicurezza del Territorio Armando Foschi.
Nei giorni di festa in Comune sono arrivate alcune segnalazioni circa la presenza di un vero accampamento tra i giardini di piazza Primo Maggio, con alcuni utenti che dormivano sotto una tenda, seminascosta tra le aiuole, «utenti», spiega Foschi, «che si trovavano comunque in stato di alterazione alcolica e che creavano anche momenti di disturbo tra i passanti».
Così ieri mattina la Polizia municipale ha effettuato un sopralluogo e ha verificato la presenza della tenda, con all’interno sei materassini e diverse coperte. Dentro c’erano ancora tre cittadini, di nazionalità rumena, che dormivano, e che sono stati risvegliati per l’identificazione di rito. I tre uomini sono stati invitati a raccogliere i propri effetti personali ed, eventualmente, a raggiungere le strutture d’accoglienza convenzionate con l’amministrazione comunale per trascorrere la notte al riparo e sotto un tetto sicuro.