6 APRILE 2009

Ricostruzione L'Aquila, arrivati 154 milioni. Cialente: «felice, ma che fatica»

«Lunga attesa ma ce l’abbiamo fatta»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3441

Ricostruzione L'Aquila, arrivati 154 milioni. Cialente: «felice, ma che fatica»
L’AQUILA. La notizia l’ha data pochi minuti fa il primo cittadino de L’Aquila, Massimo Cialente, su Facebook.

Sono arrivati questa mattina, dopo una lunga attesa, 154.274.187,69 euro per i contributi diretti per la ricostruzione e sostituzione edilizia. Sono in molti a tirare un sospiro di sollievo.
«Entro due ore», spiega il sindaco, «trasferiremo i mandati alla Carispaq, tesoriere del Comune, sia per l'indennizzo diretto che per la sostituzione edilizia. Si tratta di più di 1000 mandati, che abbiamo pronti da tempo».
Cialente spiega di aver parlato già con il direttore della Banca Iannucci, che avvierà il pagamento «tra oggi e domani». Il tutto, quindi, dovrebbe avvenire in tempi strettissimi anche per cercare di recuperare il tanto tempo perso per questioni burocratiche.
«Non speravo di farcela prima di Natale», ammette il sindaco. «Sono contento del risultato, strappato con i denti, ma resta l'amarezza per i ritardi che le imprese hanno sofferto in modo inaudito. Spero possano fare un Natale un pò più sereno, sia loro che i loro dipendenti».
Intanto da ieri sono in pagamento le rate di ottobre e novembre 2012 del contributo di autonoma sistemazione. Lo ha reso noto il settore Assistenza alla popolazione.
L’elenco completo dei beneficiari di questa forma di assistenza post sisma – che comprende, oltre alle mensilità di ottobre e novembre, anche il conguaglio dei periodi precedenti – è pubblicato sul sito internet internet del Comune. Anche in questo caso per gli aquilani c’è stata una lunga attesa fatta di polemiche e scontri a viso aperto con la pubblica amministrazione.

ALTRI 90,6 MILIONI PER IL CRATERE
A questi soldi se ne devono aggiungere altri  90.605.475,31 per gli altri 56 Comuni del cratere, pari al 37% del totale  che arriva a 244 milioni di euro. «Con costanza e concretezza abbiamo continuato ad occuparci di tutti questi temi», ha commentato il deputato Giovanni Lolli.  «Non tutte le proposte che avevamo fatto sono passate, in particolare, resta aperto il problema di rifinanziare il credito agevolato attraverso la Cassa Depositi e Prestiti che rappresenta la battaglia centrale sulla quale ci impegneremo ancora. Ringraziamo il senatore Legnini e gli altri senatori che con lui si sono impegnati al nostro fianco e ringraziamo il ministro Barca del quale, a prescindere da divergenze su singoli punti, apprezziamo l’impegno che ancora una volta ha messo nella sua attività».