CESSIONI AREE

Via Verde fissato il cronoprogramma

Prezzo delle aree ferroviarie dismesse da 50mln a 7,5 mln

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2684

via verde chieti
CHIETI. La Provincia di Chieti stringe i tempi per la realizzazione del progetto della Via Verde della Costa dei Trabocchi.

Questa mattina il Presidente Enrico Di Giuseppantonio ha coordinato una riunione alla quale hanno preso parte l’Assessore all’urbanistica Nicola Campitelli e  i tecnici del Settore pianificazione territoriale al termine del quale è stato fissato un cronoprogramma delle attività da compiere per giungere all’apertura del cantiere. Il primo passo è stato l’invio alla Regione della documentazione tecnico-amministrativa che consentirà alla Regione stessa di iniziare il trasferimento dei fondi Fas, a favore della Provincia: ciò in attuazione della Convenzione sottoscritta lo scorso 13 luglio a Fossacesia e che prevede lo stanziamento di 15 milioni di euro. Inoltre è stata già predisposta la documentazione necessaria per avviare l’acquisizione delle aree, procedura quest’ultima la cui conclusione è prevista per gennaio 2013.
A febbraio 2013 è prevista la pubblicazione da parte della Provincia dell’Avviso pubblico per l’appalto dei lavori della pista ciclopedonale che sarà lunga complessivamente 35 chilometri.
A luglio 2013 è prevista l’apertura del cantiere.
Nel frattempo il Presidente Di Giuseppantonio ha avviato una trattativa finalizzata ad una ulteriore riduzione del prezzo, fissato inizialmente a 50 milioni di euro e ridotto a 7,5 milioni di euro dopo una lunga trattativa, per l’acquisto delle aree ferroviarie dismesse, compresi gli edifici delle ex stazioni ferroviarie: ciò alla luce di tutti i vincoli urbanistici e  territoriali che gravano su tali aree e della riduzione del valore fatta registrare dal mercato immobiliare negli ultimi mesi.
«Con l’invio alla Regione della documentazione che ci permetterà di incamerare i fondi Fas, il progetto della Via Verde della Costa dei Trabocchi entra nella fase realizzativa, quella che attendiamo con ansia da diversi mesi e che corona anni di impegno, di confronti a volte duri, di lavoro portato avanti in silenzio – dice il Presidente Di Giuseppantonio. Di qui all’apertura del cantiere l’Assessore Campitelli e l’intero Settore pianificazione territoriale continueranno a lavorare, come hanno fatto fino ad oggi, con scrupolo e professionalità. Personalmente ho dato disposizione che ogni economia derivante dall’acquisizione delle  aree o da prestazioni professionali, venga destinata concretamente alla realizzazione della pista ciclo pedonale, opera determinante per il decollo dell’industria turistica nella nostra Provincia. E’ un’opera che dovrà dare la speranza di un lavoro ai giovani e dovrà segnare la nascita di una nuova imprenditorialità: obiettivi il cui raggiungimento deve richiamare tutti ad un grande senso di responsabilità».