PIAZZA PULITA

Montesilvano, partita la disinfestazione di via Martiri Ungheria e via Roma

Si tratta di un’area abbandonata da tempo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1095

Montesilvano, partita la disinfestazione di via Martiri Ungheria e via Roma

MONTESILVANO. Ieri mattina è partita l’operazione di disinfestazione e disboscamento dell’area a ridosso del centro cittadino di Montesilvano, che ricade su Via Martiri Ungheria angolo Via Roma, da anni in stato di completo abbandono ed in pessime condizioni igienico sanitarie.

Dopo diversi anni in cui non è stato possibile entrare nell’area per le resistenze dei proprietari, questa mattina il sindaco Attilio Di Mattia, l’assessore Vittorio Iovine, la Polizia Municipale e carabinieri sono riusciti ad accedervi, dopo aver convinto il proprietario ad aprire i cancelli per evitare un’azione di forza.  Inoltre, per garantire tutto il sostegno ed il supporto psicologico al titolare dell’area, sul posto erano presenti anche l’assistente sociale, uno psichiatra ed un’ ambulanza del 118.
«Le condizioni che abbiamo trovato entrando sono aberranti – ha detto il sindaco Attilio Di Mattia - Di fatto una vera e propria giungla nel centro della città, con topi ovunque. Una situazione non più sostenibile alla quale abbiamo voluto porre rimedio incaricando una ditta che da questa mattina è al lavoro in azioni di derattizzazione, disinfestazione, taglio di piante pericolanti e di arbusti.  L’obiettivo prioritario è quello di  tutelare le condizioni igienico sanitarie dei cittadini che vi abitano vicino, ma anche degli stessi proprietari. All’interno dell’area c’è anche un capannone abbandonato con copertura in eternit, che verrà smantellato. Per fare ciò, però, il procedimento da avviare richiederà più tempo, perché più complesso».
«Nell'ambito del programma di tutela del decoro urbano – ha commentato l’assessore Vittorio Iovine - proseguiamo nella nostra azione, intervenendo laddove sussistano intollerabili condizioni di degrado pericolose sia sotto il profilo della sicurezza pubblica sia sotto quello della salubrità dell'ambiente. Il vero e proprio "bosco" o giungla che dir si voglia che campeggiava da un ventennio nel pieno centro cittadino costituiva per la nostra città una vergogna. Bisogna dare atto al Sindaco Di Mattia di aver voluto caparbiamente percorrere la strada dell'intervento di ripulitura ed occorre ringraziare le forze dell'ordine e la polizia municipale che hanno condotto un'opera di paziente mediazione per eliminare qualsivoglia ritrosia da parte di chi ancora oggi ostinatamente osteggiava l'operazione. Occorre uno sforzo collettivo che include anche la compartecipazione dei privati affinché si possa davvero ambire ad avere una città pulita, civile, rispettosa delle minime regole di convivenza».