PROMESSE PERICOLANTI

Parco della Memoria a L’Aquila, «non si può più snobbarlo»

La richiesta di una mamma di una vittima del sisma

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3889

PARCO DELLA MEMORIA
L’AQUILA. Il progetto è pronto ormai da due anni.

Può essere integrato o modificato, «siamo aperti ad ogni genere di proposta di associazioni o enti». Ma il Comune dell'Aquila, e in particolare il sindaco Massimo Cialente, «deve prenderlo in considerazione. Non può continuare a snobbarlo, come ha fatto finora, e a sminuirlo, come ha fatto in un Consiglio comunale dello scorso agosto. Del resto si tratta di una valida proposta, elaborata da giovani neo professionisti, tutti laureati a L'Aquila».
Così Maria Grazia Piccinini, avvocato di Lanciano, mamma di Ilaria Rambaldi, studentessa di Ingegneria di Lanciano morta a L'Aquila, a causa del terremoto, nel crollo della palazzina di via Campo di Fossa.
Su quell’area, per le caratteristiche instabili del sottosuolo, non si potrà mai più tornare a costruire. E allora ecco l'idea del 'Parco della Memoria', per non dimenticare le vittime di quello sciagurato 6 aprile 2009.
Il progetto prevede cinque percorsi, aree verdi, 309 arbusti per i morti del terremoto, rampe dai colori vivaci per il gioco dei più piccoli, il Giardino dell'amicizia e la Stanza della memoria, in corrispondenza del palazzo crollato.
Quel parco, «non è solo un sogno», continua Piccinini, «ma è già un progetto, un progetto bell'e pronto».
Un progetto messo a punto dalla Onlus 'Ilaria Rambaldi'. «Sarebbe assurdo», continua l’avvocato, «spendere denaro pubblico, in un momento simile, per bandire concorsi di idee per quel posto, quando un progetto già c'è. E non è detto, tra l'altro, che da un concorso di idee scaturisca un progetto valido: basta vedere cos'è successo a San Giuliano di Puglia con il Parco della memoria, che altro non è che una spianata di cemento, o a Pescara con il monumento di Toyo Ito, calice da un milione di euro che si è... frantumato. Il nostro, tra l'altro, - viene ricordato - è uno degli undici progetti inseriti nel 'Libro bianco' realizzato, per L'Aquila, dall'Istituto nazionale di Urbanistica e dall'Associazione nazionale centri storici e artistici».
Il Parco della Memoria «nasce - evidenzia l'avvocato Piccinini - dalla riflessione sul rapporto tra uomo e ambiente e vuole creare un angolo verde laddove la natura ha dato un forte monito all'eccessiva azione dell'uomo. L'obiettivo è di fare architettura senza edilizia, cercando un equilibrio con la natura senza sovrastarla, e tutto ciò in un posto dove non si potrà tornare a tirare su palazzi dato che, in profondità, vi sono state rinvenute cave e grotte. Scopo dell'iniziativa è anche mantenere viva la memoria dei cari che abbiamo perduto nella tragedia e riportare la vita in questo luogo, farvi tornare i bambini a sorridere».
«Il Comune deve valutare attentamente quel progetto - conclude Maria Grazia Piccinini -, ora che può agire di propria iniziativa. Ci convochi e ascolti le nostre proposte».