TERREMOTO

Pagamento tasse arretrate. Associazioni di categoria:«non pagate»

Questa mattina in Comune si è svolto un incontro

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4636

Pagamento tasse arretrate. Associazioni di categoria:«non pagate»
L’AQUILA. Una diffida a Inps e Inail in merito alla vicenda delle circolari relative al versamento dei contributi e l’invito a tutti i contribuenti a non adempiere a quanto previsto nelle stesse circolari.
    È quanto comunica, in una nota, il sindaco dell’Aquila Massimo Cialente al Ministro del Lavoro Elsa Fornero.
La lettera è sottoscritta anche dal Coordinamento dei Comuni del cratere, dall’Ance provinciale, da Confcommercio, Confartigianato, Cna, Apindustria, Confindustria, Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Cia, Ungdcec, Ordine Commercialisti, Ordine Consulenti del Lavoro, Associazione Tributaristi, Confcooperative.
Questa mattina  si è svolta un’assemblea presso il Comune dell’Aquila con il Sindaco, tutte le Associazioni di categoria, i sindacati e gli ordini professionali che firmano la presente. Assemblea convocata per discutere nuovamente delle due circolari con le quali sia l’Inps che l’Inail richiedono, a partire dal 16 dicembre, la restituzione e il pagamento del 60 per cento dei contributi non versati ai sensi della Legge 183 del 12 novembre 2011 (art. 33 comma 28).
L’assemblea ritiene che le circolari di Inps e Inail, oltre ad essere «sbagliate tecnicamente» e quindi inapplicabili, «violano una legge dello Stato» e non trovano alcuna giustificazione nel documento inviato dalla Commissione Europea al Governo Italiano, nella quale non viene assolutamente enunciata l’apertura di un procedimento d’infrazione nei confronti dell’Italia.
 Il sindaco rende inoltre noto che l’assemblea ha deciso, alla luce di queste considerazioni, di inviare, nella giornata di domani, una diffida legale nei confronti dello stesso Ministero del Lavoro, oltre che dei vertici Inps e Inail.
    «Eventuali conseguenze - conclude la nota inviata al ministro - o danni economici indotti alle imprese, quali ad esempio il mancato rilascio del Durc, comporteranno azioni legali individuali o collettive, anche da parte del Comune dell’Aquila, nei confronti sia degli enti previdenziali e assicurativi Inps e Inail, che dei dirigenti nazionali e locali e dei responsabili dei procedimenti».