SVENDITA "GIOIELLI" DI FAMIGLIA

Anche il Comune di Roseto vende gli immobili per sopravvivere

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1053

Anche il Comune di Roseto vende gli immobili per sopravvivere
ROSETO.  Nei giorni scorsi sono stati pubblicati due nuovi avvisi per la vendita di beni comunali.
Si tratta di misure “obbligate” per far fronte alle ristrettezze imposte dal governo. In qualche misura la scelta obbligata delle alienazioni serve per far fronte a gestioni debitorie del passato.  

Il primo bando riguarda l’alienazione della ex Scuola Elementare di Contrada Giardino. Per questo caso l’Ente ha scelto la trattativa privata previo confronto concorrenziale. Il prezzo base della trattativa è stato fissato in Euro 219.300,00.
Le offerte devono pervenire in Comune entro le 10,00 del 14 gennaio 2013, anche mediante consegna diretta al Protocollo generale.  
Il secondo avviso riguarda l’alienazione di 65 posti auto collocati nel parcheggio ubicato al piano interrato del Prust Ex Monti. In questo è stato fissato un prezzo fisso per ogni posto auto, in base all’ampiezza di ognuno. In questo caso non ci sono scadenze per la presentazione delle offerte. L’avviso rimane aperto fino a vendita ultimata.
Coloro che intendono acquistare il posto auto devono presentare la propria offerta economica con la precisa indicazione del “Gruppo posti auto” scelto.
Per la vendita e l’assegnazione sarà seguito l’ordine di arrivo della richiesta, per ogni singolo gruppo di posti auto.
«Con questi nuovi avvisi proseguiamo la politica di alienazione che abbiamo programmato con l’ultimo bilancio di previsione – spiega il Sindaco Enio Pavone – il nostro obiettivo è quello di attingere nuove risorse finanziarie per la programmazione di interventi, in particolare per la sistemazione idrogeologica del territorio».
«Il piano di dismissioni di beni pubblici è molto articolato – aggiunge il Vice Sindaco Alfonso Montese – anche per alleggerire i prossimi Bilanci ed evitare di gravare troppo sulle tasche delle famiglie e delle imprese».