LA SENTENZA

Stalking: due condanne a Lanciano

Vittime le due ex mogli degli imputati

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2263

sentenza, tribunale, giustizia

LANCIANO. Doppia condanna al Tribunale di Lanciano nella giornata di ieri per il reato di stalking.
Nel primo caso il giudice Francesco Marino ha inflitto due anni e tre mesi di reclusione nei confronti di Adriano Di Nunzio, 47 anni, di Lanciano, arrestato nel novembre 2001 dopo la denuncia dell'ex moglie. Secondo le accuse, la donna era costantemente pedinata, anche sul posto di lavoro, e subissata da numerosi sms minacciosi, quindi maltrattata, picchiata ed ingiuriata.
Sempre per fatti analoghi, denunciati lo scorso anno, è stato condannato a 16 mesi di reclusione anche un romeno. Anche in questo caso lo stalking è avvenuto nei confronti della moglie, la quale ha subito angherie per otto anni, comprese botte e maltrattamenti; a volte sarebbe stata lasciata nuda in casa per evitare che uscisse, visto che il marito le nascondeva gli abiti.
Secondo l'accusa, l'uomo, molto geloso, in alcune circostanze diceva alla moglie che andava a lavorare poi invece si nascondeva in casa, anche sotto il letto, per controllare cosa faceva la consorte.
Secondo il “Rapporto sulla criminalità e la sicurezza in Italia” curato dal ministero dell’Interno l’Abruzzo è al secondo posto in Italia, dopo Toscana, nella classifica delle vittime di stalking. A seguire il Molise e la Valle d’Aosta.