INTEGRAZIONE

Comune Giulianova «asseconda odio razziale contro rom». Chiesto intervento Ministero dell’Interno

Interrogazione di 6 deputati del Pd alla Cancellieri

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2003

rom

GIULIANOVA. Cosa intende fare il Ministero dell’interno per contrastare «l’odio raziale» del Comune di Giulianova nei confronti dei cittadini di etnia rom?
E’ proprio questa la domanda che i deputati del Partito Democratico Rita Bernardini, Marco Beltrandi, Maria Antonietta Farina Coscioni, Matteo Mecacci, Maurizio Turco e Elisabetta Zamparutti hanno scritto in una interrogazione parlamentare.
Il riferimento è alla vicenda di Achille Di Rocco, personaggio molto conosciuto nella comunità giuliese che nei giorni scorsi ha denunciato il sindaco Francesco Matromauro per «aver tenuto comportamenti discriminatori dal punto di vista razziale nei confronti di persone di etnia Rom».
La vicenda è scoppiata a seguito dello sfratto che la famiglia (tra i cui componenti ci sono anche una invalida ultraottantenne e un ragazzo di 10 anni) ha subito dal sindaco sulla base di una condanna subita anni fa dalla moglie del signor Di Rocco, condanna peraltro successivamente annullata in un processo di revisione della causa.
Nel suo esposto, descrivendosi vittima di una sorta di 'apartheid', l’uomo sottolinea «un'azione politica condotta dall'amministrazione del Comune di Giulianova, che sembra decisa a voler 'risolvere' il problema dell'integrazione tra la 'popolazione' e i 'rom stanziali', tramite lo 'spostamento' di questi dalle case popolari».
Sullo sfratto esiste un contenzioso civile con il Comune di Giulianova, ma Di Rocco ritiene che «un normale procedimento amministrativo volto a verificare la sussistenza dei presupposti per un'eventuale decisione di revoca dell'assegnazione di un alloggio popolare, è stato presentato come un'iniziativa politica, 'spettacolarizzata' tramite un'inusuale e martellante ricorso alla stampa».
Il Ministero dell’Interno, chiedono i deputati, «è a conoscenza di questa grave vicenda? Quali iniziative intende intraprendere in relazione a tale vicenda che evidenzia l'adozione da parte dell'amministrazione comunale di atti e comportamenti che sembrano finalizzati ad assecondare, anziché a contrastare, un sentimento di odio razziale nei confronti dei cittadini italiani di etnia rom già assegnatari di case popolari?»