I DUBBI

Bollette dell’acqua a Chieti, polemiche sul costo doppio della spedizione

«Se in fattura ci sono due affrancature, perché mi è arrivata una sola lettera?»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2110

Bollette dell’acqua a Chieti, polemiche sul costo doppio della spedizione
CHIETI. Due segnalazioni fresche fresche arricchiscono la polemica sulle bollette dell’acqua a Chieti.

La prima riguarda i costi della spedizione (il costo dell’affrancatura indicato in fattura è di 0,60 centesimi per la posta prioritaria), la seconda un acconto del consumo 2012 calcolato su zero consumi del 2011. Ci segnala Giulio che – come tutti – ha ricevuto nella stessa busta due fatture per il consumo 2011 e per l’acconto 2012.
In ciascuna di queste fatture, l’ultima cifra al termine della somma tra quota fissa, fognatura, depurazione ecc. è il costo dell’affrancatura. Tutto normale, se le buste arrivate fossero due. Ed invece è una, quindi il calcolo è presto fatto: se sono state spedite le bollette a 30 mila utenze, l’incasso dell’invio di due fatture è di 36 mila euro (cioè 18 mila per fattura). Se però nella busta ci sono due fatture, spedite in una sola lettera, che fine hanno fatto i 18 mila euro risparmiati (ma addebitati agli utenti)?
Bella domanda. La seconda segnalazione riguarda un nuovo utente. Nuovo si fa per dire: il contratto è di un paio di anni fa, ma l’utente non ha mai ricevuto bollette, nonostante le sollecitazioni per pagare inoltrate a Teate servizi. «La risposta è stata che sarebbero arrivate dopo un paio di anni dopo le letture a consuntivo – spiega l’utente – anche se qualche assessore dice che i ritardi della fatturazione sono da imputare alla precedente amministrazione. Fatto sta che le bollette non mi sono state inviate, ma l’acconto 2012 è stato richiesto».
 Dunque questa bolletta dice: lettura presunta 1560. Lettura precedente (sempre presunta?) 1560. Consumo acqua potabile: zero. Poi quota fissa e iva: totale 19,25, che ho pagato. «Ma allora – si chiede l’utente – se serviva fare cassa, mi aspettavo un consumo qualsiasi, non solo la quota per le tasse e l’uso del contatore. Come dire: se sei residente a Chieti ed hai rapporti con il Comune, devi pagare questo privilegio?»

s. c.