ARRESTI/3

Terremoto e Corruzione, arresto Specchio poteva fuggire in Romania»

Il gip: «inclinazione a delinquere»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

6923

LICEO VITRUVIO POLLIONE

L’AQUILA. E’ finito in carcere questa mattina il direttore generale della provincia de L’Aquila Valter Angelo Specchio perché il gip temeva una fuga in Romania.

*** GLI ARRESTI DI QUESTA MATTINA
*** ESCORT E VIAGGI CON L’AUTO DI SERVIZIO

E’ quanto emerge dall’ordinanza di custodia cautelare notificata questa mattina ai tre indagati (oltre Specchio ci sono anche Giancostantino Pischedda, procuratore speciale di una impresa di Cagliari e Franco Rossano Palazzo, legale rappresentante di una società di impianti tecnologici con sede a Foggia
Secondo il Gip del Tribunale dell'Aquila, Giuseppe Romano Gargarella, firmatario delle tre ordinanze di cusotdia cautelare, in particolare per Specchio in carcere, «l'eterogeneità dei delitti commessi dal direttore generale della Provincia dell'Aquila, denotano una personalita' a tutto tondo, diretta a porre in essere reati di vario genere abusando del suo ruolo».
Per lui, inoltre, come detto, ci sarebbe «il pericolo di fuga in Romania».

«INCLINAZIONE A DELINQUERE»
Fa correttamente rilevare il pm - si legge nella voluminosa ordinanza - che se Specchio arriva a lucrare sull'uso di un'autovettura laddove gestisce illecitamente appalti per milioni di euro, se arriva in tale contesto milionario a truffare lo Stato per poche decine di migliaia di euro a favore del nuovo marito della moglie, ciò significa che vi è proclività e inclinazione a delinquere».

«PALESE VIOLAZIONE DELLA NORMATIVA»
In ordine ai fatti contestati sotto il profilo della cosiddetta "ospitalità" degli studenti delle scuole superiori, «gli estremi del reato sono emersi sia dalla palese violazione della normativa in materia, che non permetteva le soluzioni adottate per mancanza dei necessari requisiti di legge, sia dal fatto che vennero non considerate le soluzioni rispondenti a criteri di economicità prosepttate dai presidi e direttori scolastici».
Specchio oltre a ricoprire l'incarico di direttore generale della Provincia dell'Aquila, è anche dirigente di primo settore delle Opere Pubbliche, direttore dei lavori di messa in sicurezza di tutti gli istituti scolastici extra cratere, presidente della Commissione di valutazione dei progetti redatti dalle imprese per la messa in sicurezza degli istituti scolastici.
Per il Gip nei riguardi di Specchio, «sussiste il pericolo di fuga, in ragione di documentati contatti con soggetti stranieri, in particolare in Romania che potrebbero fornirgli ospitalità e dunque aiutarlo a sottrarsi all'attività giudiziaria in corso considerata la gravità dei reati contestati e stante le necessità di ulteriori approfondimenti investigativi».

SEQUESTRATI FLOPPY DISK E ASSEGNI A SPECCHIO
Sono terminate nel primo pomeriggio le perquisizioni nelle due abitazioni, una a Roseto e l'altra nella frazione aquilana di Santi di Preturo, di proprietà del direttore generale della Provincia dell'Aquila, Angelo Valter Specchio. Gli inquirenti hanno portato via diversi floppy disk e matrici di assegni. Terminata anche la perquisizione avvenuta nel proprio ufficio, presso l'Ente Provincia dell'Aquila, in via Monte Cagno.

12 LE SCUOLE SU CUI SI INDAGA PER I LAVORI
Le scuole finite sotto la lente di ingrandimento da parte della magistratura aquilana sono: il Liceo scientifico "Vitruvio Pollione", il Liceo classico "Alessandro Torlonia", l'Istituto d'arte "Vincenzo Bellisario", L'Ipsaa "A. Serpieri", L'Itc "Galileo Galilei", il Liceo pedagogico "benedetto Croce", tutti di Avezzano, l'Itc/Itg "A De Nino", L'istituto d'arte "G. Mazara", il Liceo socio pedagogico e delle scienze sociali "G.B. Vico", il Liceo scientifico "E. Fermi" ed infine il centro provinciale formazione professionale, questi ultimi di Suloma.
Interventi per la ricostruzione e ripristino della funzionalità quantificati in 30 milioni di euro circa.
Nell'ambito dell'attività investigativa è stato accertato come la Provincia dell'Aquila, quale Ente attuatore all'affidamento dei lavori aveva predisposto dei verbali "di somma urgenza", per l'esecuzione di ulteriori opere di adeguamento sismico in nuovi locali provvisori che avrebbero dovuto ospitare gli alunni degli istituti interessati ai lavori.
Interventi che nel Comune di Avezzano si aggiravano in oltre 4 milioni di euro, nonostante i presidi degli istituti interessati e altri soggetti istituzionali avevano individuato soluzioni alternative non onerose.
 Principio di razionalizzazione che sarebbe stato osservato per gli istituti di Sulmona. Altra contestazione sollevata dagli investigatori l'erogazione di un milione di euro circa per il pagamento dei fitti di locazione dei locali che hanno ospitato gli alunni degli istituti oggetto degli interventi.

«NON ERA SOMMA URGENZA»

Per gli investigatori «non era possibile adottare la procedura della "somma urgenza", basata tra l'altro da falsi verbali, procedura che tra l'altro con contempla la sistemazione provvisoria (cosiddetta ospitalita') degli studenti. Per il Pollione poi, era stata adottata la decisione di demolire parte dell'edificio e ricostruirlo ex novo, mentre la restante parte, era stata adeguata dal punto di vista sismico.
Per la sistemazione provvisoria degli studenti - si legge nell'ordinanza - veniva allestito un campo di moduli prefabbricati provvisori, che ospitavano 62 aule per un totale di 1.500 studenti, sull'area retrostante l'edificio scolastico dell'Itis Maiorana.
Una decisione che ha determinato per la Provincia un importante onere finanziario poiche' per i soli lavori di sistemazione dell'area per la sistemazione dei moduli provvisori, la spesa quantificata era stata di 600 mila euro circa. A tale somma - prosegue l'ordinanza - andava aggiunta quella derivante dalla spesa per il noleggio dei moduli pari a 160 mila euro circa e le spese di locazione degli uffici di presidenza e amministrativi, ospitati presso i locali della parrochhia "Madonna del Passo" per un canone pari a 5 mila euro per il solo periodo 19 settembre 2011, 31 luglio 2012.