PROTESTE

Via Di Sotto, cittadini: «lasciati soli». Mascia: «risolveremo subito 10 problemi»

Dopo le proteste dei giorni scorsi interviene il sindaco

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1175

VIA DI SOTTO
PESCARA. Dieci proposte prioritarie per dieci soluzioni urgenti e immediatamente attuabili per riportare la giusta serenità nel quartiere Colli.

E’ la mossa del sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia che lunedì mattina contatterà il consigliere comunale Massimiliano Pignoli per concordare la convocazione di un vertice urgente con la cittadinanza del rione, da svolgere anche giovedì prossimo, al rientro dalla sua prima missione a Bruxelles come Presidente del Forum delle Città dell’Adriatico e dello Ionio.
Sabato scorso i cittadini hanno protestato contro i disservizi di cui è vittima il quartiere, dove da tempo si registrano problemi di ogni genere come traffico congestionato, presenza di cantieri da anni, mancata potatura degli alberi, scarsa illuminazione e insufficiente segnaletica orizzontale. «I residenti dei Colli», ha commentato Pignoli che ha affiancato i manifestanti, «si sentono abbandonati da questa amministrazione che pensa soprattutto al centro cittadino,
lasciando con i loro problemi tutti i quartieri periferici. Ai Colli, e in particolare in via Di Sotto - ha proseguito il capogruppo di Fli al Comune - è davvero difficile. La strada, soprattutto nelle ore pomeridiane e serali diventa una sorta di circuito di Formula Uno dove le auto sfrecciano a velocità sostenuta. Avevamo chiesto più volte una maggiore presenza degli agenti della Polizia Municipale che invece ai Colli vediamo pochissimo. La segnaletica è inadeguata, così come mancano i dissuasori di velocità e i rallentatori che potrebbero fare da deterrente contro i pirati della strada».
L'investimento di due settimane fa, è stato solo l'ultimo in ordine di tempo, senza contare che lungo questa trafficatissima strada, c'è un cantiere di lavoro per il rifacimento dell'impianto fognario che dura da anni e
di cui non si riesce a vedere la fine.
«L’amministrazione è pronta e disponibile a dare risposte al territorio», ha assicurato il primo cittadino. «Chiederò proprio a loro le prime dieci emergenze del territorio alle quali dovremo dare subito le prime dieci soluzioni possibili».