stalking

Minacce e percosse all’ex fidanzatina, non potrà più avvicinarsi a lei

Il giovane rischia l’arresto in caso di violazione del divieto

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1901

Minacce e percosse all’ex fidanzatina, non potrà più avvicinarsi a lei
VASTO. Non potrà avvicinarsi ai luoghi frequentati dalla sua ex fidanzata, ancora minorenne.

E’ questa l’ordinanza emessa dal gip di Vasto nei confronti di P.S. responsabile del reato di stalking.
Il provvedimento, notificato al giovane dalla squadra Anticrimine del commissariato di Vasto coordinato dal dirigente Cesare Ciammaichella, è stato emesso in seguito ai numerosi comportamenti persecutori che la ragazza ha dovuto subire nel corso del tempo.
Minacce, percosse, insulti e pedinamenti erano all’ordine del giorno e avevano condizionato pesantemente la vita della giovane, tanto da avere un effetto destabilizzante sulla sua serenità e sul suo equilibrio psicologico.
Lo stato d’ansia era tale che la vittima aveva deciso di non recarsi più a scuola e usciva di casa solo se accompagnata, per paura di incontrare lo stalker.
Solo quando si è resa conto che il suo supplizio non avrebbe mai avuto fine, ha deciso di rivolgersi alla Polizia. Gli agenti hanno avviato le indagini e ricostruito tutta la faccenda, in base anche alle informazioni rese dai testimoni che, in più occasioni, avevano assistito a episodi di violenza e ai certificati dei sanitari a cui la ragazza era stata costretta a rivolgersi per le percosse ricevute e per lo stato ansioso. La Scientifica, nel corso delle indagini, ha estrapolato dal cellulare della vittima numerosi SMS, estremamente offensivi, minacciosi, volgari e chiaramente intimidatori. Il Giudice del Tribunale di Vasto ha tenuto conto della particolare personalità, violenta e spregiudicata del soggetto, che nonostante la giovanissima età, vanta a proprio carico diversi precedenti di polizia.
Nel caso in cui il giovane dovesse insistere con reiterate condotte persecutorie sarà valutata l’opportunità di adottare nei suoi confronti altri provvedimenti, tra questi anche il carcere.