LA VERTENZA

700 esuberi alla Micron: Fiom- Cgil contro la Regione: «assenza gravissima»

«Non ci sono giustificazioni»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2185

700 esuberi alla Micron: Fiom- Cgil contro la Regione: «assenza gravissima»
AVEZZANO. «L'assenza della Regione nella vertenza Micron, ma piu' in generale su tutte le vertenze industriali della provincia di L'Aquila, e' gravissima».

 Lo afferma, in una nota, il segretario generale della Fiom-Cgil della Provincia dell'Aquila, Alfredo Fegatelli. A poco, secondo Fegatelli,  servirebbe trovare delle giustificazioni mediatiche «che confermano un immobilismo del massimo organismo regionale rispetto ai problemi reali dei cittadini della nostra provincia». Il sindacato fa sapere che ad oggi non si ha contezza ne' di proposte ne' d'iniziative intraprese dal presidente della Regione.
«Solo qualche giorno fa, presso l'Hotel dei Marsi, illustri componenti della regione rassicuravano alcuni lavoratori dicendo che era banale cassa integrazione ordinaria. Durante questa latitanza», continua Fegatelli, «la Micron ha confermato il suo disinteresse per il sito di Avezzano e il management locale ha annunciato 700 esuberi e un percorso industriale incerto e confuso».
Tutto lascia presagire un film già visto. «Durante l'incontro - prosegue Fegatelli - sono state fatte diverse dichiarazioni tra cui la seguente: Micron non e' interessata a partnership sul sito di Avezzano, nonostante ciò si sta cercando uno o più partner. La domanda è: chi sta cercando il partner? Il sospetto è che questo obiettivo sia perseguito dal gruppo dirigente locale, se così fosse aumenta la preoccupazione sul percorso industriale che, con queste condizioni, sarebbe ancora più' incerto. In tale contesto apprendiamo con stupore che il Presidente Chiodi 'in questi mesi ha seguito da vicino la vertenza Micron', se questo e' stato il risultato dell'azione messa in campo dalla Regione - conclude il segretario della Fiom-Cgil - consigliamo al presidente Chiodi di seguire tale vertenza un po' più da lontano».
Contro l’assenza al vertice di Roma degli assessori Alfredo Castiglione e Paolo Gatti si era scagliato ieri il consigliere del Pdl Walter Di Bastiano. Sempre ieri il presidente Chiodi ha telefonato al ministro Corrado Passera per chiedere un intervento del Governo.