RICOSTRUZIONE

Confartigianato: «L’Aquila è in fin di vita e viene presa a sassate. Basta chiacchiere»

Nasce il “Movimento difesa del cratere”

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2349

Confartigianato: «L’Aquila è in fin di vita e viene presa a sassate. Basta chiacchiere»
L’AQUILA. «L’Aquila è come una donna in fin di vita che  ogni tanto viene presa a sassate da qualche circolare».

 Con questa metafora,  in riferimento alle circolari emanate da Inps ed Inail  che, se applicate, porterebbero le imprese alla restituzione del cento per cento delle tasse non pagate, il presidente di Confartigianato Abruzzo e Confartigianato  L ’Aquila,  Angelo Taffo, sfoga tutta la sua amarezza e la sua preoccupazione. E’ anche l’occasione per annunciare la nascita di un nuovo movimento che vuole mobilitare persone per la salvaguardia delle diverse istanze del cratere.

«L’economia dell’Aquila», dice, «è in forte affanno, circa 600 imprese dal 2009  non hanno mai riaperto, centinaia sono indebitate fino al collo,  molte aziende dell’aquilano sono in cassa integrazione, altre hanno dichiarato il fallimento  ed ora anche un’azienda solida come la Micron  di Avezzano, nella quale lavorano almeno 300 aquilani,  ha ufficializzato un esubero di 700 lavoratori».
«Basta chiacchiere –prosegue il presidente -  servono unità e fermezza da parte di tutti i cittadini aquilani e del cratere, degli imprenditori, dei sindaci, dei rappresentanti di tutti gli enti locali, di tutte le sigle sindacali,  degli ordini professionali, delle associazioni, di tutti i nostri rappresentanti parlamentari, di ogni colore politico, se vogliamo avere la forza nelle stanze dei bottoni – afferma il  presidente dell’associazione degli artigiani .   Solo la compattezza da parte di tutti gli aquilani può portarci a non essere più sopraffatti dai  diktat che arrivano dall’alto».
 A tal fine Confartigianato L’Aquila come primo atto ufficiale dopo il suo insediamento  ha creato il “Movimento difesa cratere”, senza scopo di lucro ed aperto  a tutti coloro che hanno a cuore le sorti di questa città.
L’appello di Confartigianato è rivolto a tutti  i cittadini e ai rappresentanti dei 57 paesi del cratere sismico ad iscriversi al movimento, recandosi nella nuova sede di  Confartigianato L’Aquila.