EMERGENZE CICLICHE

Rifiuti Pescara, nuova proroga alla Deco

Ambiente spa ha premuto per altri tre mesi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2117

Massimo Sfamurri (Ambiente spa)

Massimo Sfamurri (Ambiente spa)

PESCARA. Nuova proroga perché Ambiente spa non è riuscita ad avviare la procedura per scegliere chi dovrà gestire la munnezza cittadina per i prossimi tre anni.
Si va avanti così da mesi, con proroghe su proroghe e torna a riaffacciarsi la solita emergenza. L’ultima richiesta è stata avanzata alla Deco il 21 novembre da parte di Ambiente spa. Il presidente del Cda Massimo Sfamurri ha sollecitato l’azienda (alla quale aveva già scritto all’inizio del mese con una identica richiesta) facendo notare che mancano appena 9 giorni alla scadenza della proroga/affidamento e per «garantire il proseguimento del servizio e allo scopo di scongiurare un’emergenza rifiuti», chiede «un urgente riscontro entro e non oltre lunedì 26 novembre».
Proprio lunedì la Deco ha risposto ribadendo, come già avvenuto nelle scorse settimane che «l’azienda non è interessata ad affidamenti temporanei di breve durata che non garantiscano la continuità necessaria per la definizione dei necessari rapporti contrattuali».
Ma poi scrive che «al solo fine di scongiurare criticità igienica ed ambientale» prorogherà il servizio fino al 28 febbraio 2013, quindi per altri tre mesi.
Il corrispettivo per il servizio offerto sarà quello già praticato, ovvero 150 euro per ogni tonnellata conferita all’ingresso dell’impianto Tmb di Chieti. Anche per il servizio di trasbordo al Tmb la cifra resta invariata, ovvero 13,54 euro per ogni tonnellata.
La proroga precedente (dal 1° ottobre al 30 novembre) era stata accordata dalla Deco a fine settembre (con una lettera di fuoco) quando proprio la società dei rifiuti contestò: «il tempo trascorso era largamente sufficiente all'esperimento delle procedure di evidenza pubblica ed il fatto che tali procedure, tardivamente avviate, siano andate deserte non costituisce di certo evento imprevedibile».
Ma neanche quella ferma a durissima accusa pubblica è bastata per portare a termine una procedura su cui oggi ci sono poche certezze.

PROROGA DECO. LETTERA AMBIENTE SPA PROROGA DECO. RISPOSTA DECO