IL MISTERO

Caso Straccia, corteo degli amici a Pescara un anno dopo

«L’archiviazione del caso è ingiusta»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1777

Roberto Straccia

Roberto Straccia

PESCARA. Un corteo lungo le vie di Pescara, per ricordare e chiedere chiarezza sulla vicenda di Roberto Straccia.

Lo studente di Moresco (Fermo) è scomparso a Pescara il 14 dicembre 2011 mentre faceva footing e trovato morto il 7 gennaio scorso sul litorale di Bari. L'iniziativa, che si svolgerà il prossimo 15 dicembre, è stata organizzata dagli amici a un anno dalla scomparsa del giovane.
«Ci ritroveremo di nuovo a Pescara - scrivono i ragazzi su Facebook - per far sentire la nostra voce e la vicinanza alla famiglia, cercando di dare un segnale forte alle istituzioni, perché si faccia chiarezza sulle cause della scomparsa di Roberto. L'archiviazione del caso richiesta dagli ispettori non é una risposta».
Nelle scorse settimane, infatti, la Procura di Pescara ha avanzato la richiesta di archiviazione non essendo emersi elementi di reato. Contro tale richiesta, nei giorni scorsi, il padre di Roberto, Mario Straccia, ha presentato opposizione, indicando nuovi temi di indagine.
Il corteo - il titolo della pagina Facebook appositamente creata è "Per Roberto in cammino verso la verità" - prenderà il via alle 14.30 davanti all'ingresso del Porto turistico 'Marina di Pescara' e arriverà a piazza della Rinascita. Per consentire agli amici marchigiani di Straccia di raggiungere Pescara è stato organizzato un pullman che partirà da Moresco. All'iniziativa parteciperanno anche i genitori e la sorella del giovane.
«Crediamo che non sia stata fatta chiarezza - afferma Secondo Vitali, amico storico del 24enne - e crediamo non sia giusta l'archiviazione. Sembra quasi una poesia, sembra che in un triste pomeriggio d'inverno Roberto se ne sia andato in mare. Non ci è stata data alcuna risposta, ma siamo convinti che ogni persona, soprattutto i famigliari, debba avere risposte. Vogliamo ricordarlo a Pescara - conclude -, città che in quei giorni ha dimostrato una grandissima sensibilità».