TELEVISIONE

Sos Tata arriva a Città Sant'Angelo

Il reality show di Magnolia porta una tata nella famiglia Evangelista

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

7359

Le tre tate

Le tre tate

CITTA’ SANT’ANGELO. Lunedì prossimo le telecamere di Magnolia, una delle principali società di produzione televisiva italiane, saranno a Città Sant'Angelo.

La troupe televisiva girerà una puntata del reality show SOS Tata. Protagonista sarà la famiglia Evangelista di Marina, che ha 4 figli piccoli e senza dubbio darà vita a una puntata divertente.
Sos Tata si propone di aiutare genitori con figli tra i 2 e i 12 anni: la Tata impone quindi delle regole alla famiglia e in una settimana trasforma i bambini più vivaci e i genitori più stressati in un quadretto da sogno. «Sos Tata sarà una nuova occasione di promozione per l'immagine di Città Sant'Angelo», assicura l'assessore Peppino Luciani «vedremo paesaggi del nostro paese che introdurranno la puntata e l'arrivo nella famiglia Evangelista della Tata. L'arrivo in ogni famiglia, infatti, viene personalizzato a seconda della città dove avviene, dalle nostre parti potrebbe arrivare a cavallo o su un carro trainato dai buoi, ci penserà la produzione».
 La puntata andrà in onda su La7 e FOXlife a Gennaio, nella prossima edizione dello show.
La trasmissione ha avuto un buon seguito e buoni dati di ascolto, tanto che ne sono stati tratti anche diversi libri, che, come il format stesso, trattano l'argomento dell'educazione dei bambini. Questi testi sono stati scritti da alcune delle tate protagoniste della trasmissione.
Il programma intende aiutare genitori con figli, di età compresa tra 2 e 12 anni, da cui non riescono a farsi rispettare e a cui non riescono a dare un'adeguata educazione.
In ogni puntata, le tre tate protagoniste ricevono una chiamata dai genitori "disperati", che richiedono il loro intervento tramite un videomessaggio in cui uno dei genitori parla e illustra le problematiche della famiglia. Una di loro va a casa della famiglia, e ha una settimana di tempo per riportare l'ordine nella famiglia; in genere i primi due giorni sono di osservazione, e quindi la tata osserva senza intervenire nei comportamenti della famiglia, dicendo di fare finta che lei non ci sia. Dal terzo giorno in poi inizia ad intervenire, per riportare la pace nella famiglia, fissando regole sia per i figli che per i genitori. Alla fine, prima di andarsene, lascia una lettera di ringraziamenti, spesso molto commovente, che la famiglia deve leggere dopo che la tata è andata via.