AMBIENTE

Avezzano, isola pedonale h24 da primavera

Mini chiusura per Natale e Capodanno

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1335

isola pedonale
AVEZZANO. Isola pedonale “condivisa” in vista in città.



Comune e associazioni di categoria trovano l'intesa per avviare la sperimentazione lunga della chiusura del centro cittadino dove verrà migliorato l'arredo urbano: lo stop al traffico scatterà con l'arrivo della primavera, fino all'autunno. Mini chiusura anche nel periodo Natale-Capodanno: per andare incontro alle richieste dei commercianti, preoccupati per le vendite, l'amministrazione guidata dal sindaco Giovanni Di Pangrazio, ha dato l'ok alla richiesta di mantenere aperto il centro fino al 24, ultimo giorno dei grandi acquisti, quando l'area della cosiddetta “Crocetta” verrà chiusa fino a Capodanno.
La fumata bianca all'avvio dell'isola, che segna un evento storico per la città, è arrivata in un vertice in Municipio, dove l'assessore alle attività produttive, Gabriele De Angelis, dopo il saluto del sindaco, ha aperto il confronto con i rappresentanti di Confcomemrcio, Cna, Confesercenti, Confartigianato e Consorzio Avezzano centro chiuso con la “storica” intesa.
«L'idea dell'amministrazione comunale», afferma l'assessore De Angelis, «che ha trovato la condivisione delle associazioni di categoria, segno di lungimiranza e visione futura, è quella di avviare un percorso di riqualificazione e valorizzazione del centro cittadino per farne un luogo di incontro e di socializzazione funzionale alle esigenze della comunità avezzanese e, quindi, delle attività commerciali e artigianali».

Il centro storico, quindi, si avvia a diventerà il salotto buono di Avezzano. Nell’area interessata dalla chiusura al traffico, la cosiddetta “crocetta”, che comprende tratti di Via Cataldi (Bar Risorgimento-via Corradini), Corso della Liberta (via Corradini-via Diaz) e via Corradini (angolo scuole-Lombardi), infatti, il Comune realizzerà interventi di miglioramento dell'arredo urbano installando nuove panchine, fioriere e sistemando e marciapiedi. L'operazione restyling dell'area, dove l'Ente investirà circa 70 mila euro, sarà concordato con le associazioni di categoria.
«L'isola pedonale ha un grande obiettivo», spiega il sindaco Giovanni Di Pangrazio, «creare un ambiente confortevole, a misura di cittadini e attività commerciali, migliorando la qualità della vita e rendendo più attrattivo il centro città. In quest'ottica occorre unire le forze, superando steccati ideologici o preconcetti, per operare insieme nell'interesse dell'intera comunità avezzanese con progetti concreti che coinvolgano intelligenze e cuore delle tante persone che possono dare un contributo per arrivare all'obiettivo comune». Intanto dal 7 al 30 dicembre, in linea con la filosofia operativa, Piazza Risorgimento ospiterà il mercatino di Natale: all’interno dell'area saranno installate le casette in legno con i prodotti della tradizione Natalizia e la pista di pattinaggio su ghiaccio. E per attrarre visitatori organizzatori del mercatino e Amministrazione proporranno una serie di eventi e manifestazioni e una campagna pubblicitaria, su tutto il territorio della Marsica,per promuovere il Natale ad Avezzano.

«LE LOBBIES SCRIVONO L’AGENDA DEL COMUNE»
«Le solite lobbies continuano a scrivere l’agenda della amministrazione comunale, e la creazione di aree pedonali rimane una chimera...», contesta il Collettivo Quadrilatero.
«Mentre in tutte le città dell’occidente civilizzato, e anche nelle cittadine del centro-Italia simili ad Avezzano, si attuano politiche che mirano ad un miglioramento della qualità della vita mediante un aumento delle aree verdi, l’ampliamento dei marciapiedi, la creazione di zone ciclopedonali e Z.T.L., nel capoluogo marsicano continuano a imperversare politiche che rendono la vita più difficile per pedoni, famiglie e ciclisti e che hanno l’effetto di attirare le auto in centro.  Risultato: il traffico veicolare stritola sempre di più il centro di Avezzano, quotidianamente ingolfato di automobili, e l’intera città. I negozi continuano a chiudere anche se l’isola pedonale non esiste: la loro crisi ha ben altre cause».