ISTRUZIONE

Università L’Aquila, dal Miur 83 mila euro di incentivi

Il rettore: «le nostre scelte sono state premiate»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1494

Il rettore Di Orio

Il rettore Di Orio

L’AQUILA. Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha premiato l’Università dell’Aquila.

L’annuncio arriva dall’Ateno stesso che spiega di aver ricevuto degli incentivi per aver predisposto e adottato il bilancio unico di Ateneo e della contabilità economico/patrimoniale.
L'articolo 9 del Decreto ministeriale 71/2012 prevedeva, infatti,  incentivi, fissati in complessivi 500.000 euro destinati alle Università statali che avessero predisposto ed adottato il progetto per l'introduzione e l'operatività del bilancio unico di Ateneo e della contabilità economico/patrimoniale entro l’1 gennaio 2013. Con una nota il 7 novembre scorso  il Miur ha comunicato che all’Università dell’Aquila sono stati assegnati 83.333 pari al 16,66 % della disponibilità totale.
L'importo massimo attribuibile a ciascun ateneo è stato graduato in base all'entità del rispettivo Ffo ed alla complessità dell'ateneo in termini di rapporto dei dipartimenti esistenti al 31/12/2010 e i dipartimenti previsti al 1 gennaio 2013 e le attività ed i risultati per cui viene accordato il finanziamento saranno verificati da una apposita commissione ministeriale che potrà confermare, ridurre o recuperare il finanziamento in relazione all'esito delle verifiche.
«Nelle intenzioni ministeriali, – commenta il rettore dell’Università dell’Aquila Ferdinando di Orio – il bilancio unico di Ateneo dovrebbe garantire una maggiore efficienza economica alle strutture universitarie. Al di là dell’ammontare degli incentivi ricevuti, è molto significativo il fatto in sé. Ci viene assegnato, infatti,
più del 16% dell’ammontare totale, ma soprattutto l’assegnazione premia le scelte degli organi accademici e l'attività di tutto il personale amministrativo che, nell'Amministrazione Centrale e nelle strutture decentrate, si sta impegnando duramente in una attività particolarmente complessa che, è bene ricordarlo, è stata realizzata senza il ricorso a costose consulenze esterne».
«Un particolare ringraziamento – conclude il rettore di Orio - va al direttore amministrativo Pietro Di Benedetto, al ragionere Pasquale Sebastiani, coordinatore dell'Area gestione risorse finanziarie ed ai professori Fabrizio Berti e Michele Pisani, succedutisi nella carica di delegato del Rettore al bilancio, oltre
che, ovviamente, a tutti i responsabili e collaboratori degli uffici contabili dell'Amministrazione Centrale, dei Dipartimenti e dei Centri».