MORTI BIANCHE

Ancora un morto sul lavoro, operaio perde la vita a Fara San Martino

Ieri netturbino deceduto a Sant’Egidio

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

3910

Foto archivio

FARA SAN MARTINO. Un operaio è morto intorno alle 15,30 di oggi in un incidente sul lavoro avvenuto in un cantiere edile nel centro di Fara San Martino.
L’uomo si chiamava Agostino Carosella, di Casoli, 34 anni. Secondo una prima ricostruzione della dinamica l'uomo stava effettuando dei lavori di manutenzione a un marciapiede nel centro del paese alla guida di un escavatore. L'operaio, per cause ancora in corso d'accertamento, è sceso dal mezzo portandosi sul retro: l'escavatore si sarebbe sfrenato proprio in quel momento, finendo per travolgere l'uomo, deceduto sul colpo mentre si trovava in un fossato che lui stesso aveva scavato con il mezzo. La dinamica dell'incidente mortale è al vaglio degli inquirenti: sul posto per i rilievi del caso sono presenti i carabinieri del Nor di Lanciano e della stazione di Palombaro. Le indagini sono volte a chiarire il motivo per il quale l'escavatore, senza che nessuno fosse al comando, sia finito nel fossato schiacciando l'operaio che poco prima era alla guida mezzo. La Procura di Chieti ha aperto un'inchiesta.Carosella lascia 2 figli e un terzo in arrivo. Il mezzo è stato sequestrato.
I lavori sono stati commissionati dal comune di Fara San Martino a una ditta di Casoli, per la quale lavorava l'operaio. Si tratta del secondo morto sul lavoro in poche ore in Abruzzo. Ieri un netturbino è morto per lo schiacciamento esercitato dal braccio meccanico che lo ha colpito al collo.