DISORDINE SUL RIORDINE

Riordino Province: Pineto, Atri e Silvi vogliono andare con Pescara

Martedì discussione sull’accorpamento dei Municipi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3085

Gaetano Vallescura

Gaetano Vallescura

SILVI. L’accorpamento della Provincia di Teramo all’Aquila apre scenari di grandi cambiamenti anche nei comuni del territorio.

Il presidente della Provincia Valter Catarra ha presentato un ricorso   contro la nuova cartina disegnata dal Governo Monti. Ma non l’unico provvedimento scaturito dalle decisioni arrivate da Roma.
Pineto, Silvi e Atri si apprestano infatti a discutere sull’eventuale passaggio alla Provincia di Pescara.
 Il primo step dell’iter politico è stato fissato ieri mattina durante una riunione nel Comune di Pineto dei tre sindaci, Luciano Monticelli di Pineto, Gabriele Astolfi di Atri e Gaetano Vallescura di Silvi, che hanno convocato una riunione per martedì 13 novembre, alle ore 19.30, nella sala consigliare del Comune di Atri, con tutti i consiglieri di maggioranza e di minoranza dei tre municipi.  
«Nella riunione di martedì prossimo discuteremo sia del passaggio dei tre Comuni con la Provincia di Pescara – spiega il primo cittadino di Pineto Luciano Monticelli – ma anche dell’accorpamento dei tre comuni per la creazione di un unico ente».
Un progetto molto impegnativo che si fonda su una ben avviata collaborazione tra due dei tre Comuni, Pineto e Silvi, che già operano in forma associata sia nel campo dei servizi sociali attraverso l’Ambito Costa Sud, che nel servizio di vigilanza attraverso l’unione del corpo di Polizia Municipale.
«Anche Atri si appresta ad entrare nella gestione associata del servizio di vigilanza con Pineto e Silvi. – ha spiegato il Sindaco Gabriele Astolfi – L’iter burocratico è ormai a buon punto e  contiamo di renderlo operativo in tempi brevissimi».
Presto i Comuni di Silvi e Pineto gestiranno in maniera congiunta anche l’Ufficio del Demanio marittimo.
«La fusione dei tre comuni rappresenta una scelta quasi scontata – sottolinea il sindaco di Silvi Gaetano Vallescura – l’ottimizzazione dei servizi tramite la forma associata, ha dimostrato che nei fatti questo territorio rappresenta, sotto il profilo politico e non solo, un triangolo naturale».
Il percorso politico verso il passaggio dei tre comuni con la Provincia di Pescara e l’accorpamento dei tre Municipi è solo all’inizio, ma è subito evidente che un territorio che complessivamente conta tra i 43 e i 45mila abitanti, acquista un peso specifico significativo anche sotto il profilo polito-territoriale.