CHI VUOL ESSER COORDINATORE

Mascia cerca un nuovo collaboratore esterno: 14 aspiranti in corsa

Tra i candidati anche Giuliano Grossi e l’ex cerimoniere di D’Alfonso

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5106

Mascia e Guerri

Mascia e Guerri

ANTEPRIMA. PESCARA. Quattordici in corsa per un posto, un nuovo incarico del sindaco Luigi Albore Mascia che sceglierà personalmente confrontando i curricula pervenuti.


Si tratta di una collaborazione esterna «ad alto contenuto di professionalità» che costerà alle casse del Comune 2.400 euro al mese (più Iva ed altri eventuali oneri). L’incarico, si legge dal bando, avrà la durata di 4 mesi, rinnovabili, però, fino alla scadenza del mandato del sindaco. A conti fatti, dunque, potrebbe il nuovo collaboratore esterno potrebbe ‘trattenersi’ per i prossimi 20 mesi per un costo totale di 48 mila euro qualora la fiducia non si interrompa prima della scadenza elettorale.
Il sindaco cerca un coordinatore degli uffici di staff del sindaco nei rapporti con la direzione generale, segreteria generale, il settore gabinetto del sindaco e sovrintenza del cerimoniale.
Più o meno tutto quello che faceva fino a qualche mese fa l’avvocato Giuliano Grossi, al centro di infinite polemiche proprio per quella chiamata diretta e già difensore civico fino all’annullamento della nomina da parte del Consiglio di Stato. Adesso sempre Grossi ci ritenta. Infatti il suo nome è tra i 14 aspiranti neo collaboratori del primo cittadino che hanno inviato la propria candidatura è sono stati ritenuti idonei.
Ma tra ciò che è accaduto nel passato e quello che sta accadendo oggi ci sono almeno due evidenti differenze.
Il primo incarico, partito nel 2010, fu affidato a Grossi «esclusivamente in virtù di amicizia, stima e testimonianza di qualche capacità ed esperienza che il primo cittadino ha avuto la bontà di riconoscermi», come ha spiegato lo stesso collaboratore. Oggi invece Mascia ricorre ad un avviso pubblico, forse per evitare le polemiche. Alla fine, comunque, sarà sempre lui a decidere, come gli consente la legge. Non è la prima volta che per scegliere collaboratori nell'arco dell'era Mascia si cambi procedura.
Seconda differenza: dal 2010 fino a qualche settimana fa l’incarico ricoperto da Grossi non aveva alcun costo per l’amministrazione pubblica ma veniva ricoperto «a titolo completamente gratuito per l’Ente», aveva sottolineato proprio Mascia qualche settimana fa.
Adesso invece c’è in palio anche uno stipendio da 2.400 euro mensili. Sarà aumentato probabilmente il carico di lavoro altrimenti non è comprensibile questo cambio di rotta, tutto a svantaggio dell’ente pubblico. Prima si ‘sfruttava’ un volontario o adesso di sostiene un costo inutile?
Stessa modalità, con sorte inversa, per quanto accaduto con l’incarico a Giordano Bruno Guerri che l’anno scorso venne assoldato come direttore artistico della città con uno stipendio da 90 mila euro e l’anno successivo si è dovuto accontentare della metà per fare lo stesso mestiere, peraltro in un anno molto impegnativo in quanto ricorre l’anniversario dei 150 anni della nascita di D’Annunzio.

CHI DECIDE
Nel bando si legge che il sindaco «opererà valutazioni comparative basate sull’apprezzamento dei curricula professionali presentati» tenendo conto dei «requisiti in possesso dei candidati, legati a particolari competenze di carattere giuridico-amministrativo e di tipo organizzativo, direzionale e di sovrintendenza di strutture complesse, acquisite nel corso di esperienze analoghe a quelle previste dal presente incarico».

IN GARA
Quattordici, come detto, gli aspiranti. Tra questi ci sono nomi noti come quello di Giancarlo Di Giancaterino, già cerimoniere del Comune di Pescara all’epoca di Luciano D’Alfonso per l'inaugurazione dell'Aurum o Mario Cappelluti, vicino all’Udc primo dei non eletti a Pescara nelle scorse elezioni e a gennaio 2011 tra i papabili per entrare nella giunta di Mascia. In questo periodo di crisi proprio con l’Unione di centro il sindaco potrebbe cercare di placare gli animi con questa nomina? C’è poi anche Ligia Di Giulio, commercialista, già segretaria del Comitato Pescara 2009 e un tempo vicina al deputato del Pdl Sabatino Aracu.
Tra i candidati anche il giornalista Fulvio Tentoni, gli avvocati Michaela Di Vello e Verina Barrucci e Francesca D’Isidoro della direzione Organizzativa e amministrazione della Best Eventi, la società che recentemente ha portato in città i Negrita scatenando le polemiche dell’opposizione perché il Comune avrebbe rinunciato alla tassa di occupazione del suolo pubblico. 
Alessandra Lotti

Incarico Coord Uff Staff Elenco Cand[1]