PROTESTE

Cortei studenteschi, oggi Pescara bloccata

Dalle 13 previste quattro diverse manifestazioni

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2336

CORTEO STUDENTI
PESCARA. Diverse centinaia di persone, tra docenti e studenti, hanno manifestato ieri pomeriggio in piazza della Rinascita a Pescara contro i provvedimenti contenuti nel Ddl stabilità, la legge ex Aprea.


L'iniziativa, promossa con il tam tam su Facebook, segue attività analoghe portate avanti da insegnanti e alunni negli ultimi giorni, tra flash mob e sit-in in piazza, ed anticipa il maxi corteo di tutte le scuole della città e della provincia, che oggi sfilerà per le vie di Pescara.
Compiti in classe e libri di testo alla mano, al suono di un fischietto i presenti si sono seduti a terra riproducendo simbolicamente le classi.
«Ho realmente dato ripetizioni ai ragazzi - spiega Licia Cataldi, del Liceo Scientifico Galilei di Pescara, uno dei promotori -. Al di là del Ddl stabilità e della legge Aprea, c'é un attacco alla scuola pubblica che prosegue da anni. Ormai é troppo. Ognuno, in base alle proprie competenze e ai propri ruoli, deve partecipare a questa lotta, che riguarda non solo noi insegnanti e i ragazzi, ma anche i genitori. E' recente la notizia di un docente precario che si è ucciso in Campania per questioni legate al lavoro».
Gli studenti, in queste ore stanno valutando nuove forme di protesta. In tutte le scuole oggi, prima del corteo, vi saranno assemblee e dibattiti per discutere delle prossime iniziative.
L’assessore comunale alla Mobilità, Berardino Fiorilli, parla di «città blindata» per i quattro cortei studenteschi che da diversi punti si snoderanno dalle 13, per poi ritrovarsi tutti insieme nell'area della Madonnina, sulla Riviera Nord, per un flash mob. «I serpentoni - dice l'assessore - saranno scortati dalle forze dell'ordine che chiuderanno al traffico le vie interessate man mano che i ragazzi transiteranno».-

I QUATTRO CORTEI
Il primo corteo, forse il più imponente e impattante, partirà dall’Istituto ‘Tito Acerbo’, con gli studenti della zona collinare, in via Pizzoferrato, e attraverserà via Ferrari, via Teramo, corso Vittorio Emanuele, via Palermo, via Balilla, dove al gruppo si uniranno gli studenti del liceo scientifico ‘Galilei’, quindi lungomare Matteotti per terminare la sfilata in piazza della Madonnina. Contemporaneamente prenderà le mosse il secondo corteo che vedrà protagonisti gli studenti della zona nord della città, guidati dal liceo Artistico, e che percorrerà l’intero viale Riviera nord e lungomare Matteotti, e in questo caso i ragazzi hanno già assicurato che transiteranno sul marciapiede. Il terzo corteo vedrà riuniti, poi, gli studenti degli Istituti superiori situati a Porta Nuova, quindi il Marconi, il terzo liceo scientifico, il Manthonè, che partiranno dalla via Tiburtina, per attraversare via Marconi, via Vespucci, e arrivare al Porto Turistico per riunirsi, quindi attraverseranno il ponte del mare per ritrovarsi con gli altri studenti in piazza della Madonnina.
Infine ci sarà il corteo degli studenti del liceo classico, che in parte percorreranno via Venezia, via Foscolo, lungomare Matteotti, mentre una delegazione si unirà al corteo dell’Acerbo in via Balilla.