SANGUE IN CITTA'

Sparatoria ad Alba Adriatica: un morto ed un ferito

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

6200

Sparatoria ad Alba Adriatica: un morto ed un ferito

Il Luogo dell'omicidio

ALBA ADRAITICA. Morto durante una sparatoria. Pochi minuti fa ad Alba Adriatica.

 Un omicidio e' avvenuto davanti ad un bar di viale della Vittoria. A rimanere ucciso durante una sparatoria e' un cittadino straniero di cui non si conosce ancora l'identita'. Un altro è rimasto gravemente ferito ed è stato trasportato in ospedale a Sant'Omero. Sul posto sono arrivati i carabinieri del reparto operativo di Teramo, la squadra mobile di Teramo ed i carabinieri della compagnia di Alba Adriatica.
La sparatoria sarebbe avvenuta intorno alle 14.30 e nella zona ci sarebbero state poche persone. Le informazioni sono ancora frammentarie.
Secondo le prime testimonianze, a sparare sarebbe stato un uomo che viaggiava su una vettura di colore scuro il quale, dopo aver esploso una serie di colpi che hanno centrato in pieno volto lo straniero uccidendolo, ha accelerato fuggendo. All'interno dell'autovettura pare vi fossero anche altre persone.
Gli stranieri raggiunti dai colpi erano seduti davanti al bar quando, intorno alle 14,30 sono stati fatti bersaglio dei colpi di pistola. Sul posto le forze dell'ordine mentre è scattta la caccia ai killer.

ORE 16
Sul posto e' arrivato il sostituto procuratore di turno, Davide Rosati. Il cadavere e' ancora riverso a terra, coperto da un telo, in attesa dei rilievi affidati ai carabinieri del reparto operativo diretti dal capitano Nazario Giuliani.
Intanto iniziano ad emergere informazioni sulla vita e le frequentazioni delle vittime.
Secondo le prime testimonianze raccolte dai militari, pare che prima di fuggire in auto, l'assassino insieme ad altri complici abbia affrontato a viso aperto la vittima che è di origine albanese. La discussione fra i presenti è degenerata un istante dopo in omicidio.
Lo straniero e' stato ucciso davanti al bar "Md" di Alba Adriatica.
In sua compagnia c'era un connazionale il quale e' stato ferito da un'arma da taglio.
Il fendente, sferrato da una seconda persona, lo avrebbe raggiunto ad una parte vitale. Le disperate condizioni in cui versa l'uomo hanno dirottato i sanitari del 118 all'ospedale di Giulianova e non piu' a Sant'Omero, dove l'extracomunitario viene ora sottoposto ad un delicato intervento chirurgico.

CALIBRO 7,65
l proiettile che ha ucciso l'albanese e' stato esploso da una scacciacani modificata calibro 7,65. Il corpo dell'uomo e' ancora riverso a terra e non ha un'identita'. I carabinieri preleveranno le impronte digitali per i riscontri nella banca dati Interpol, nella speranza di dare un nome a quel corpo straziato. Intanto, e' stato identificato l'altro albanese ferito: P.H. di 23 anni il quale e' stato sottoposto ad un intervento chirurgico ed e' stato ora trasferito in rianimazione a Teramo. Il giovane, dopo essere stato accoltellato allo sterno, ha tentato la fuga riparandosi nell'abitazione di un'anziana situata a pochi metri dal bar. Qui e' stramazzato in un lago di sangue. Pare fosse armato anche lui.